Il contagio da Salvini

Andrea Marcenaro

Lo si critica perché i suoi spostamenti costituirebbero il privilegio negato ai normali cittadini. Ma l'epidemia del Capitano esiste da prima del coronavirus

Ci mancherebbe anche che un dirigente politico come Matteo Salvini non potesse spostarsi liberamente da Milano a Roma, o da Milano a Palermo, o da Milano a dove accidenti gli pare, per fare il suo lavoro. Il quale consiste esattamente nel girare il paese, nell’avere rapporti col popolo e nel costruire una politica, la sua, certo, attingendo alle più diverse condizioni del territorio. Di tale banalissima ovvietà parlo solo perché, col virus concentrato in Lombardia (e lui lombardo è), qualche furbetto antileghista ha cercato di insinuare come i suoi spostamenti costituirebbero il privilegio negato ai normali cittadini. Motivo per cui, contagio alla mano, andrebbero negati. Ma questo è intollerabile. Prefigura l’abolizione del confronto. Del conflitto. Della democrazia. Suona particolarmente odioso nel momento in cui gli appelli all’unità si sprecano. Suona odiosissimo perché gioca il pericolo dell’indimostrato contagio via Salvini dietro una faziosità di schieramento. Sfondando una porta aperta, tra l’altro. Corona o no, quello stronzo ci sta infettando da un decennio.

Di più su questi argomenti:
  • Andrea Marcenaro
  • E' nato a Genova il 18 luglio 1947. E’ giornalista di Panorama, collabora con Il Foglio. Suo papà era di sinistra, sua mamma di sinistra, suo fratello è di sinistra, sua moglie è di sinistra, suo figlio è di sinistra, sua nuora è di sinistra, i suoi consuoceri sono di sinistra, i cognati tutti di sinistra, di sinistra anche la ex cognata. Qualcosa doveva pur fare. Punta sulla nipotina, per ora in casa gli ripetono di continuo che ha torto. Aggiungono, ogni tanto, che è pure prepotente. Il prepotente desiderava tanto un cane. Ha avuto due gatti.