Israele, ventre a terra

Andrea Marcenaro

Che vinca Netanyahu oppure Gantz, lo stato ebraico è pronto a combattere il suo nemico

Ieri, e siamo a tre, elezioni legislative per 6,5 milioni di israeliani. A 5.600 elettori, che già si trovavano in quarantena a causa del corona virus, sono stati approntati 16 seggi dove poter votare in totale isolamento. E tutto andato bene. A elezioni ormai concluse, risulta ovviamente scontato che entrambi i contendenti, tanto Bibi Netanyahu, quanto Benny Gantz, combatteranno ventre a terra il coronavirus. Dopodiché, sia che vinca l’uno, sia che vinca l’altro, e per quanta delusione possa provocare questo negli odiatori di Netanyahu, Israele continuerà ventre a terra contro il corano-virus.

Di più su questi argomenti:
  • Andrea Marcenaro
  • E' nato a Genova il 18 luglio 1947. E’ giornalista di Panorama, collabora con Il Foglio. Suo papà era di sinistra, sua mamma di sinistra, suo fratello è di sinistra, sua moglie è di sinistra, suo figlio è di sinistra, sua nuora è di sinistra, i suoi consuoceri sono di sinistra, i cognati tutti di sinistra, di sinistra anche la ex cognata. Qualcosa doveva pur fare. Punta sulla nipotina, per ora in casa gli ripetono di continuo che ha torto. Aggiungono, ogni tanto, che è pure prepotente. Il prepotente desiderava tanto un cane. Ha avuto due gatti.