cerca

Se cadono i giganti

Fiat Chrysler, Benetton, Ilva, Pirelli: che ne sarà di loro? La questione industriale è il cuore matto della ripresa

25 Maggio 2020 alle 10:08

Se cadono i giganti

La riapertura degli stabilimenti Fca con le misure di sicurezza anticontagio (Foto Cecilia Fabiano/LaPresse)

Martedì 19 maggio il Times di Londra pubblica in prima pagina una grande foto di due giovani donne sedute al tavolino di un caffè milanese nell’angolo della galleria che guarda piazza del Duomo; sullo sfondo la facciata della cattedrale. Il New York Times non è da meno e punta sui saloni di bellezza. Immagini simboliche, la vita ricomincia e i piaceri grandi o piccoli ne sono parte rilevante. Ecco l’Italia. La società dello spritz, la cultura della movida, la politica...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Skybolt

    25 Maggio 2020 - 14:44

    Beh, già mettere Benetton tra i giganti... un'azienda/famiglia (o viceversa, visto che i ram-polli li hanno piazzati ovunque, più che il Silvio) che si è arricchita con le idee degli altri (coloritura sul capo già confezionato, franchising, pubblicità a tappeto; terziarizzazione spinta) e con il minimo esborso, poi passata al capitalismo rentier sull'onda delle privatizzazioni (chapeau, tutti gli altri italici capitani hanno fallito, ma perchè pensavano che le telecom fossero ancora un monopolio naturale, dieci anni dopo il break-up di AT&T... la famosa cul-tura industriale...). Benetton in quanto tale non conta una cippa da 30 anni, da quando Gap li spazzò via dal nordamerica. Basta vedere le ricapitalizzazioni periodiche coi soldi di Autostrade.... tanto non muoiono di fame loro, e non morirà di fame nessun italiano. Autostrade se le prenderà la CDP, il resto anche chi se ne frega.

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      25 Maggio 2020 - 16:37

      Chi se ne frega perchè alla fine sono magliette... no? Come si diceva in una ora dimenticata (ah, che smemorati) polemica dei tardi novanta del secolo scorso sul che fare per l'economia italiana deinstrualizzata (nei tardi '90, pensa ora). E allora mi ricordo, si mi ricordo la proposta di De Benedetti, o di Montezemolo, o entrambi, o con Prodi, insomma la solita compagna di giro, che proponeva di trasformare, così, seduta state, il Bel Paese in una parco a tema, anzi multitema (tranquilli, niente sesso, almeno ufficialmente). Altri tempi, altri progetti. Ne è rimasto solo il Fondo Charme e, sul lato dello spettacolo comico, forse il Domani. Viva la Fata Smemorina.

      Report

      Rispondi

  • nike13

    25 Maggio 2020 - 13:14

    Se cadono i giganti si chiede Cingolani. Ed uno risponde: ma perche' si sono accorti solo adesso che la situazione non reggeva? Cingolani, vuoi aiutarci a comprendere la situazione? Allora dicci cosa i cosiddetti giganti hanno fatto nel passato. Solo gli ignoranti pensano che l'affermazione dei populisti e dei sovranisti sia avvenuta senza un consenso ed anche un appoggio di massima da parte dei giganti. Adesso hanno cambiato pensiero? Cingolani riesci a chiarire questi interrogativi.

    Report

    Rispondi

Servizi