Gli insulti tra donne sono un'àncora di salvezza per gli uomini

Camillo Langone

Quando alcune di loro sostengono la mostruosità della donna pugliese, io non sono d'accordo ma apprezzo tanta crudeltà: solo così possiamo risollevarci

Continuino le donne a essere le peggiori nemiche delle donne: solo così noi uomini, imbelli e obsoleti, possiamo sperare di salvare il salvabile. Quando le chiedo perché non sceglie mai modelle pugliesi, un’amica che per lavoro seleziona modelle mi risponde così: “Occorrerebbe una mutazione genetica e fare un salto nel 2060 per trovare una bella modella pugliese alta 1,80, castana, taglia 38/40. Le baresi sono giunoniche, chiare, fianchi larghi, seni grossi e statura media, appena fanno un figlio si svaccano completamente, spignattando e sfornando focacce con amiche, cognate, mamme e suocere. Le salentine sono more, pelose, carnagione olivastra, seni piccoli con capezzoli enormi, se alte sono eccessivamente magre con questi volti da caremme [quaresime, ndr]… Per non parlare del forte odore della pelle!”. Io questa mostruosità della donna pugliese mica la vedo, anzi, ma sono contento che le donne si giudichino con tanta crudeltà: se il nemico è diviso, possiamo farcela.

Di più su questi argomenti:
  • Camillo Langone
  • Vive a Parma. Scrive sui giornali e pubblica libri: l'ultimo è "Eccellenti pittori. Gli artisti italiani di oggi da conoscere, ammirare e collezionare" (Marsilio).