cerca

Smettetela di prendere posizione su qualsiasi cosa

Per rovesciare la logica binaria del mi piace/non mi piace, si leggano le intervista al critico d'arte Arthur Danto

30 Luglio 2020 alle 06:00

Smettetela di prendere posizione su qualsiasi cosa

(foto Pixabay)

“Io leggo il New Yorker tutte le settimane, ma raramente sono d’accordo o in disaccordo con quello che leggo. Si tratta solo di leggere materiale”. Le interviste fatte nel corso degli anni da Demetrio Paparoni ad Arthur Danto, oggi raccolte in “Arte e poststoria. Conversazioni sulla fine dell’estetica e altro” (Neri Pozza) valgono per le riflessioni sull’arte contemporanea ma forse ancor più per la pacatezza e l’antimanicheismo del grande critico americano (Ann Arbor 1924-New York 2013).

 

Il manicheismo non è un’esclusiva del mondo dell’arte, autoreferenziale e mafiosoide, composto di cricche dedite alla scomunica reciproca: la politica è manicheismo puro ed è diventato piuttosto manicheo anche il mondo cattolico che del manicheismo (un’eresia) dovrebbe essere avversario. Prevale ovunque la logica del digitale che è binaria e idiota, mi-piace/non-mi-piace… Danto, che com’è ovvio aveva le sue predilezioni ma che saggiamente teorizzava l’instabilità del giudizio, insegna che non è necessario, non è possibile, non è ragionevole prendere posizione su tutto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Alessandro2

    Alessandro2

    30 Luglio 2020 - 17:12

    C'è una cosina tuttavia, la quale non ammette che SÌ o NO. Vediamo se il cattolico padrone di casa l'indovina.

    Report

    Rispondi

  • Skybolt

    30 Luglio 2020 - 12:21

    A mio parere, è una conseguenza della democrazia, ma non nel senso che si immagina. La democrazia è una ritualizzazione della guerra civile peridodica per conquistare il potere. Il voto è una sublimazione del combattimento: si conano i prorpi soldati e si fa finta che chi ha più soldati comunque vincerebbe. Ma affinchè la conta sia giusta, nessuno può astenersi dal "reclutamento", da cui le leggi per rendere obbligatorio il voto (e la spinta al voto elettronico, per rendere impossibili schede bianche e nulle). Se andate a vedere l'indice delle "dmocrazi compiute", uno dei paramtri è l'automatismo dell'iscrizione alle liste elettorali, fra un po' ci sarà anche il parametro dell'obbligo.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    30 Luglio 2020 - 07:22

    Ben detto! (e fa niente se così facendo prendo posizione).

    Report

    Rispondi

Servizi