cerca

La settimana pandemica

Ora che abbiamo esaurito tutte le battute sulla morte e sul contagio, che cosa ci resta del virus? Se non le mascherine, almeno la compassione. Diario di una difficile convivenza con la paura

1 Marzo 2020 alle 06:00

La settimana pandemica

(foto LaPresse)

L’unica cosa certa, al termine della prima settimana della pandemia in Italia, è che abbiamo finito le battute. La battuta di quelli che si autocertificano asociali ce l’abbiamo (tutte le variazioni di: ah, non mi serviva il virus per non uscire di casa e tenere a distanza le persone); la battuta di quelli che si autocertificano puliti perché tutti puzzano intorno a loro e sui mezzi pubblici ce l’abbiamo pure (variazioni di: con il virus finalmente vi lavate!); la battuta...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Nadia Terranova

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ancian99

    01 Marzo 2020 - 12:40

    Il panico nasce dalla paura, quest'ultima, a sua volta, disseminata dal contagio delle idee confuse, dalla mancanza di conoscenza obiettiva dei fenomeni, dall'assenza totale di un tessuto sociale, dal desiderio inconscio di far valere il principio "mors tua, vita mea".

    Report

    Rispondi

  • gdaines

    01 Marzo 2020 - 10:39

    il problema è che il coronavirus al di la delle battute è una "cosa" seria per la sanità italiana. Lo stesso professor Galli del Sacco di Milano ha detto che in quarantadue anni di professione non ha mai visto qualcosa del genere. E ha ulteriormente rincarato la dose sottolineando come una "marea montante" di casi stia mettendo alle corda molti ospedali. Chi ha cercato di infondere troppa tranquillità non ha assolutamente considerato le "potenzialità" di questo virus che ha saputo "eludere" i criteri di sorveglianza previsti. Per cui niente allarmismi ma tanta "consapevolezza" nel trattare questa situazione che, diciamolo con un po' di onestà intellettuale, è "parzialmente" sottocontrollo.

    Report

    Rispondi

Servizi