Difendersi dal contagio e difendersi dall'odio

Adriano Sofri

Dagli hater del direttore di Repubblica a Facebook, alla nuova app di contact tracing. Alcuni dubbi e un penisero

Le minacce e le ingiurie di cui si compiace qualcuno, al riparo dell’anonimato di posta e media sociali, contro Carlo Verdelli e i suoi cari, sono inspiegabili. Oppure sono spiegabili, dal momento che Verdelli è una persona intelligente, mite, coraggiosa e leale. E libera. Dunque conoscere lui permette di immaginare i suoi odiatori. Vorrei aggiungere un pensiero. Stiamo chiedendoci se e come servirci delle formidabili risorse dei nostri telefoni e delle loro applicazioni per difenderci meglio dal contagio di una brutta malattia. Abbiamo, com’è ragionevole, dubbi ed esitazioni. Ne avremmo di meno se sapessimo che chi adibisce così a lungo, per mesi, posta, facebook e twitter agli scopi degli odiatori del direttore di Repubblica, viene scoperto. E’ inquietante pensare che facebook sappia chi siamo, ciascuno di noi. E’ più inquietante pensare che non possa saperlo.

Di più su questi argomenti: