cerca

Il cretino di sinistra e il cretino di destra

Il primo è quello di cui Sciascia fece il ritratto quarant’anni fa. Il secondo lo si può vedere in azione grazie alla foto delle Sardine da Benetton

6 Febbraio 2020 alle 06:00

Il cretino di sinistra e il cretino di destra

Il cretino di sinistra lo conosciamo. E’ il cretino mimetizzato nel discorso intelligente di cui Sciascia fece il ritratto quarant’anni fa. Ma che dire del cretino di destra? Potremmo definirlo il conformista mimetizzato nel discorso anticonformista. La foto delle Sardine da Benetton – o felix culpa! – ci permette di osservarlo in azione. Il cretino di destra sminuzza tutto quel che l’attualità gli offre in un micidiale tritacarne ideologico il cui cigolio, a volerlo trascrivere, suonerebbe all’incirca così: c’è un’élite liberal, europeista e globalista che anche quando non governa sta acquattata nel deep state, che ha dalla sua le banche e il Papa e i giudici, e che tramite i suoi giornaloni, intellettualoni e artistoni radical chic impone un discorso mainstream politicamente corretto che pretende di cancellare identità, tradizioni e generi, ma disprezza il popolo e ormai attecchisce solo nei quartieri snob; il populismo è la reazione scomposta ma salutare a tutto questo. E’ un discorso cretino, senza meno, ma proprio perché cretino fila senza intoppi. Poi però sono apparse le Sardine. Non sapendo bene come ficcarle nello schema, le hanno tentate tutte, a momenti ne facevano una quinta colonna di Hamas. Finché, provvidenziale, arriva la benedizione di Soros e di Benetton, e il mulino di preghiera tibetano riprende a macinare le sue scempiaggini incantatorie, identiche in tutti i monasteri sovranisti – dai Frati meloniani alla Verità, da Forza Nuova al sito di Nicola Porro, la sala da biliardo dove i liberali per Salvini si ritrovano ogni sera a lanciar palle. E’ il cretino di destra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Skybolt

    06 Febbraio 2020 - 18:19

    Beh, visto il prosieguo si potrebbe dire che il cretino di destra è quello nella foto, a destra per chi guarda....

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    06 Febbraio 2020 - 16:16

    Le due versioni sono indispensabili. Sono complementari. Nessuna delle due può esistere da sola. Amen.

    Report

    Rispondi

    • raffaele@linuxmail.org

      raffaele

      06 Febbraio 2020 - 19:43

      Complementari, senz'altro, ma a corrente alternata; al presente pare prevalere la destrorsa.

      Report

      Rispondi

  • Caronte

    06 Febbraio 2020 - 15:56

    Intorno al 1963 si è verificato in Italia un evento insospettabile e forse ancora, se non da pochi, sospettato. Nasceva e cominciava ad ascendere il cretino di sinistra: ma mimetizzato nel discorso intelligente, nel discorso problematico e capillare. Si credeva che i cretini nascessero soltanto a destra, e perciò l’evento non ha trovato registrazione. Tra non molto, forse, saremo costretti a celebrarne l’Epifania. Sciascia

    Report

    Rispondi

  • giuseppezavaroni

    06 Febbraio 2020 - 15:41

    L'arrampicata sugli specchi richiede perizia e pratica continua, senza le quali si rischia di precipitare a terra o nel ridicolo, come l'estensore di questo pezzo cretino, che avrebbe potuto dedicare i suoi sforzi di Azzeccagarbugli a un caso rilevante, invece che a dei pesciolini cretini e presentuosi, che sono già finiti in salamoia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi