cerca

Si fa presto a dire "il popolo contro le élite"

Se si resta abbarbicati all'orazione di Cicerone bisognerebbe almeno sapere che per lui i populares erano aristocratici che facevano leva sugli interessi della plebe a fini di potere personale

20 Febbraio 2020 alle 06:00

Si fa presto a dire "il popolo contro le élite"

(foto LaPresse)

La sinistra ha perso il popolo. Già, ma la destra deve imparare a parlare all’élite. Che noia. Fino a quando abuseranno della nostra pazienza? Che si parli del Fondo salva stati o del televoto a Sanremo, il dibattito italiano è fermo al palo piantato due millenni fa dall’orazione “Pro Sestio” di Cicerone: la lotta perpetua tra gli optimates e i populares. Ironicamente, lo schema popolo-élite è l’attrezzo più interclassista che ci sia oggi in Italia, lo maneggiano con la stessa puerile perizia la soubrette e il politologo accademico, Diego Fusaro e il suo barbiere. L’ultima puntata di questa infinita soap opera nazionalpopolare è il dibattito su un libro appena uscito per Marsilio, “Popolo ed élite. Come ricostruire la fiducia nelle competenze”. Se dobbiamo restare abbarbicati a Cicerone, però, almeno leggiamolo. Scopriremo, tra le altre cose, che anche ai suoi tempi i populares avevano poco a che fare con il popolo, erano aristocratici che facevano leva sugli interessi della plebe – cancellazione dei debiti, redistribuzione delle ricchezze – a fini di potere personale. E incontreremo un sociologo meno grossolano di molti nostri contemporanei, come dimostra il celebre passo della seconda catilinaria che enumera con precisione le categorie di persone – altro che “popolo” in astratto – arruolate da Catilina. Lì c’è il ritratto, perfetto ancora oggi, dell’altrimenti inspiegabile ascesa di fior di mezze tacche: “Vogliono arrivare in alto e si illudono di poter conquistare con la rivoluzione quelle cariche cui non aspirerebbero in una situazione di pace interna”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi