Prima la Grande Germania

Nella guerra nazionalista sui migranti l’asse Vienna-Monaco tradisce Salvini

6 Luglio 2018 alle 06:00

Prima la Grande Germania

Horst Seehofer, Sebastian Kurz e Heinz-Christian Strache in conferenza stampa a Vienna (LaPresse)

L’asse Vienna-Monaco ha deciso di tradire Roma, nella guerra nazional-populista su una crisi dei migranti che non c’è. “Se i rifugiati registrati in Italia o in Grecia dovessero essere trovati sul confine austro-tedesco, dovranno essere collocati in centri di transito ed entro quarantotto ore riportati nel primo paese di ingresso”, ha detto il ministro dell’Interno tedesco, Horst Seehofer, dopo l’incontro ieri a Vienna con il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, il vicecancelliere Heinz-Christian Strache e il suo omologo Herbert Kickl. “Non...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi