cerca

L'arte che verrà

Saranno ancora possibili il cinema, il teatro, la letteratura, la musica dopo il Covid? Quanto ha tolto e quanto potrebbe dare il vuoto del virus agli artisti? Le nuove domande, le evasioni possibili e il mondo che non ci immaginiamo. Un’indagine tra chi scrive, suona e compone

20 Aprile 2020 alle 13:32

L'arte che verrà

Nell’ottobre del 1971, i Pink Floyd tennero un concerto nell’anfiteatro di Pompei senza pubblico: un fermo immagine dell’evento filmato da Adrian Maben

Nell’ottobre del 1971, i Pink Floyd tennero un concerto nell’anfiteatro di Pompei senza pubblico, neanche un accreditato per far cronaca, colore, calore, presenza, domande. Loro suonavano, tutto dal vivo, non una nota o un pianino o un coretto in playback, e Adrian Maben, il regista che aveva avuto l’idea per quella colossale opera d’arte, li filmava. Il primo concerto distanziato della storia; e rivederlo adesso ci fa domandare solamente se sarà così che i musicisti suoneranno per noi, d’ora in...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • leless1960

    25 Aprile 2020 - 00:01

    Eccola, l'ho beccata! Volevo fare due chiacchiere con lei, dopo aver letto il pezzo sui boomer letto di là. Lo sta leggendo mia moglie che si sganascia, mentre io le scrivo di qua. Non posso dire molto, sono in incognito, dico solo che non mi sbatto per fare video conferenze con la mia trentenne lontana, che se fa trecento km a settimana e mi chiama dio del sesso qualche motivo lo avrà, che se sono la luce della sua vita vuol dire che quella dello smartphone non le basta. Siamo impermeabili alle emozioni che vi dà la tecnologia, alle innovazioni, alle novità in generale, ma non refrattari. Usiamo quello che ci serve, come il sesso, la gioia, o l'allegria e il resto diventa subito noia. Sa perché ci trovate tanto affascinanti? Perché siamo diventati dannunziani senza volerlo: pensare "me ne frego", di tutto, è un lusso che solo chi morirà presto può permettersi.

    Report

    Rispondi

Servizi