cerca

Morire per sete

Dei commenti trucidi di Salvini non mette nemmeno conto parlare. Ma che ci siano teologi e vescovi scandalizzati che la chiesa parli di questo, mentre al largo di Lampedusa cercano corpi che non troveranno, di questo bisognerebbe discutere

9 Ottobre 2019 alle 06:00

Morire per sete

Cerimonia per il terzo anniversario del naufragio del 3 ottobre 2013, dove morirono 366 persone (foto LaPresse)

Delle tredici donne annegate di notte nel mare di Lampedusa, una incinta, una di dodici anni, degli otto bambini dispersi più tutti gli altri fino a un numero di cinquanta, molti, o la maggior parte, come sempre venivano dall’Africa subsahariana. Da luoghi dove si muore, e si fugge, per fame e per sete. E se vogliate chiamarli profughi, o clandestini, o migranti economici, oppure migranti climatici non fa differenza. Sono eufemismi della politica, finzioni della burocrazia europea. Resta il fatto che da là, e da molte parti del mondo, si scappa anche per colpa del clima. Della sete e della fame. A Roma è in corso un Sinodo della chiesa sull’Amazzonia, dove si parla anche di riforme ecclesiali e di viri probati, a chi interessa il tema. Ma si parla soprattutto di questione climatica, di risorse sprecate, di falde acquifere, di migrazioni su scala planetaria dovute a condizioni di non sopravvivenza. E forse si parlerà persino di ghiacciai che si sciolgono e foreste che bruciano. Perché è “sora nostra matre terra, la quale ne sustenta et governa” e la vita delle creature importa, eccome. Dei commenti trucidi di Salvini su chi annega per sete non mette nemmeno conto parlare. Ma che ci siano non dico cristiani qualunque, ma persino teologi e vescovi scandalizzati che la chiesa parli di questo, mentre al largo di Lampedusa cercano corpi che non troveranno, di questo meriterebbe parlare. Di questa fissazione che fa guardare la dottrina per non vedere il Creato e le sue creature. Un giorno renderemo conto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • vallesanmartino

    09 Ottobre 2019 - 10:10

    Probabile che anche ai tempi della seconda lettera ai Corinzi di S.Paolo ( 2Corinzi, 8-9) qualcuno si sia scandalizzato che rispetto ad un fatto così marginale come una raccolta di aiuti per i poveri di Gerusalemme, l’Apostolo scriva alle comunità che «Conoscete infatti la grazia del Signore nostro Gesù Cristo: da ricco che era, si è fatto povero per voi, perché voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà. (…) Qui non si tratta di mettere in ristrettezze voi per sollevare gli altri, ma di fare uguaglianza». Paolo vede bene le sperequazioni sociali e la povertà e le considera in termini così radicalmente teologici da trasformare la “colletta”, avvenuta e restituita, in un evento di grazia.

    Report

    Rispondi

  • Carletto48

    09 Ottobre 2019 - 09:09

    I morti in mare non sono causati dalle avverse condizioni in cui vive questa umanità, ma dagli scafisti e da chi tiene loro bordone. In vent'anni di invasioni non ho saputo neanche di un processo a carico di questi assassini.

    Report

    Rispondi

Servizi