cerca

Il processo del secolo è una danza attorno al mostro

L’estetica della disabilità, le grida delle neofemministe del #MeToo. Ma al centro del dibattimento resta il potere infinito del produttore hollywoodiano, che ha perso tutto due anni e mezzo fa con l’inchiesta del New Yorker

24 Febbraio 2020 alle 09:56

Il processo del secolo è una danza attorno al mostro

A ottobre 2017, il New York Times e il New Yorker riportano l'accusa di molestie sessuali, aggressioni sessuali o di violenza sessuale di una dozzina di donne (foto LaPresse)

Prima che la giuria cominciasse a deliberare, martedì scorso, avviando la fase finale del processo a Harvey Weinstein, il mostro che l’età delle correzioni ha portato in tribunale per cambiare il corso del potere e desessualizzarlo, colpendo un predatore per educarne cento, o magari tutti e una volta per sempre, la difesa ha chiesto un’espulsione. Via la giurata numero 11, Vostro Onore, per carità, guardi qua cosa legge, un libro sulla violenza sessuale (“My dark Vanessa” di Kate Elizabeth Russell)...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Simonetta Sciandivasci

Nata a Tricarico nel 1985 e cresciuta tra Matera e Ferrandina, ora vive a Roma, senza patente. Libri, uno: La Domenica Lasciami Sola (Baldini&Castoldi, 2014). Scrive su Il Foglio, Linkiesta, Rolling Stone, La Verità. È redattrice di Nuovi Argomenti.
Tanto vale vivere.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi