Vite parallele sui social

Marianna Rizzini

Caditoie contro aeroporti, fatti e parole. Beppe Sala e Virginia Raggi a confronto nei tweet

Roma. Salvini ha rilanciato l’Opa su Roma e Virginia Raggi su Twitter risponde: “Ah, dimenticavo @matteosalvini, oggi abbiamo consegnato 15 nuovi bus a metano ai cittadini di Tor Pignattara… Mentre noi facciamo fatti concreti tu continua pure a chiacchierare”. E però c’è chiacchiera e chiacchiera. Scorrendo a ritroso l’account del sindaco, infatti, non soltanto la grandeur sui bus domina per così dire la narrazione (della serie: “…Io a Roma ho già messo in circolazione quattrocento nuovi bus”, scrive Raggi, “entro il 2021 ce ne saranno oltre 700”), ma anche la grandeur sulle strade ripulite non se la passa tanto male, a giudicare dalla cronaca del sindaco sul fatto che in via Prati Fiscali, nel tratto da via Salaria all’innesto di via Cavriglia, sia stato “rifatto l’asfalto”, e siano state “controllate le caditoie e grazie a intervento di Ama ripuliti i sottopassi dai rifiuti” (idem in via delle Begonia: “Rifatto l’asfalto” e “pulite le caditoie”). E se tutto pare troppo improntato al de minimis, c’è la “legalità”, anche quella in miniatura (tipo: stiamo intervenendo “per sgomberare le attività abusive presenti nell’area del parco della Caffarella” o per punire il “vandalo” che ha danneggiato i vetri del tram 8), a parte quando prevale l’orgoglio a monte della sentenza finale su Mafia Capitale (mafia non era, ma pazienza).

 

Dulcis in fundo, in questi giorni il sindaco di Roma si è rallegrato anche per la firma della pur rispettabile convenzione tra Roma Capitale e Bioparco in nome del “benessere animale”. E mentre Salvini chiacchiera, ribadisce Raggi, “noi facciamo parlare i fatti”. Poi c’è il sindaco di Milano Beppe Sala che, sempre mentre Salvini chiacchiera, fa parlare i fatti (e che fatti), ma pure le parole, dalla Maratona alle Olimpiadi Milano-Cortina 2026 – con “la collaborazione di tutti possiamo andare lontano, sentiamoci comunità, scegliamo il futuro migliore che si possa desiderare” – alla riapertura di Linate: “Bentornato lunedì. Da stasera alle 18 sono ufficialmente ripresi gli atterraggi… da domani l’aeroporto tornerà a essere pienamente operativo”. Per non dire dell’azione di Milano in campo museale e artistico, senza integralismi del “no”: “Milano ha la capacità di essere moderna e contemporanea, con una visione molto concreta della direzione da prendere: la collaborazione tra pubblico e privato è una delle sinergie tipicamente milanesi”. Non è tanto la grandeur, sotto al Duomo, quanto il respiro per così dire ampio: “Al momento sono molto felice”, scrive Beppe Sala, “fare il sindaco di Milano mi dà molte soddisfazioni e la gratitudine dei milanesi mi fa capire che siamo sulla strada giusta”. E che altro si può dire, da qui, se non “beato lui”?

Di più su questi argomenti:
  • Marianna Rizzini
  • Marianna Rizzini è nata e cresciuta a Roma, tra il liceo Visconti e l'Università La Sapienza, assorbendo forse i tic di entrambi gli ambienti, ma più del Visconti che della Sapienza. Per fortuna l'hanno spedita per tempo a Milano, anche se poi è tornata indietro. Lavora al Foglio dai primi anni del Millennio e scrive per lo più ritratti di personaggi politici o articoli su sinistre sinistrate, Cinque Stelle e populisti del web, ma può capitare la paginata che non ti aspetti (strani individui, perfetti sconosciuti, storie improbabili, robot, film, cartoni animati). E' nata in una famiglia pazza, ma con il senno di poi neanche tanto. Vive a Trastevere, è mamma di Tea, esce volentieri, non è un asso dei fornelli.