cerca

Di Maio e Salvini si litigano la piazza

Mobilitazione di Lega e M5s contro Mattarella, che diventa il nemico designato nella nuova campagna elettorale. Intanto i costituzionalisti smontano la proposta di impeachment

28 Maggio 2018 alle 18:32

Di Maio e Salvini si litigano la piazza

Torino, militanti di Lega e Movimento 5 Stelle protestano sotto la prefettura (foto LaPresse)

Niente Italia ai mondiali. Ce n’eravamo quasi scordati ma Di Maio ha trovato un modo di riciclare il tricolore. Il leader grillino sprona i sostenitori del M5s a manifestare il proprio dissenso contro la decisione del Capo dello stato di affidare l'incarico di governo a Carlo Cottarelli: una mobilitazione per dire che "il mio voto conta", dice Di Maio con un video su Facebook, per farsi sentire partecipando a "manifestazioni e passeggiate che faremo nelle città", iniziando dall'esibizione di simboli di cui, dice, "abbiamo bisogno per farci vedere". Quindi, il Tricolore: "Appenderò oggi una bandiera italiana fuori dalla finestra del mio ufficio a Montecitorio – annuncia – affinché tutti possano vederla. Invito tutti a fare altrettanto. Prendete la bandiera, compratela e appendetela. Tiriamo fuori il nostro orgoglio di essere cittadini italiani. Il 2 giugno, il giorno della festa della Repubblica, invito tutti a venire a Roma dove faremo un grande evento. Tutti dobbiamo esserci con la bandiera per dire che noi valiamo e che il nostro voto è quello che conta".

    

   

E ancora, Di Maio invita i pentastellati a "smontare tutte le bufale, le menzogne che i media hanno iniziato a far circolare". In primis, sostiene, quella relativa all'andamento dei mercati: "Una bufala, perché i mercati sono preoccupati dall'instabilità e dall'incertezza. Se fosse nato un governo politico, ora non ci sarebbero problemi. E invece hanno deciso di andare alla rottura solo per impedire che mettessimo mano alle pensioni d'oro, che togliessimo potere alle lobby che infestano il governo ed eliminassimo gli odiosi privilegi. So che siete incazzati – prosegue –, mi avete mandato migliaia di messaggi di incoraggiamento e di rabbia ma non possiamo restare a guardare e non possiamo farci anestetizzare dai media".

E forse il 2 giugno si starà stretti, in piazza: anche la Lega aveva "già da tempo prenotato per il prossimo week end più di mille piazze in tutta Italia per spiegare, speravamo, quello che facevamo al governo. Evidentemente saremo in mille piazze per spiegare quello che non stiamo facendo per colpa di qualcuno", ha spiegato Matteo Salvini, parlando alle telecamere fuori da Montecitorio.

   

"Il 2 Giugno è festa dell'Italia. Chi vuole fare rievocazioni della marcia su Roma, con mobilitazioni ridicole contro l'Europa, contro il presidente della Repubblica, contro la tutte le istituzioni, si fermi prima del precipizio", risponde il capogruppo Pd a Palazzo Madama, Andrea Marcucci. "Lega e M5s vogliono alzare la tensione – sottolinea Marcucci – la richiesta di impeachment, le parole vergognose usate contro Mattarella, la marcia su Roma sono chiare indicazioni di percorso". E proprio sull'ipotesi di impeachment, o meglio sul procedimento di "messa in stato d''accusa" di Mattarella, non c'è nessun elemento per sostenerlo, hanno spiegato all'AdnKronos alcuni costituzionalisti, secondo i quali Mattarella non ha commesso alcuna violazione prevista dal diritto costituzionale. "Coloro che parlano di impeachment – spiega l'ex presidente della Corte Costituzionale Enzo Cheli – sostengono che Mattarella abbia compiuto un attentato alla Costituzione; in realtà non c'è stato nessun attentato, quel comportamento è stato assolutamente rispettoso dei confini che la Costituzione dà ai poteri del Capo dello stato. Mattarella ha difeso la sovranità nazionale quando ha fermato un'azione politica che puntava a rompere gli impegni europei, che l'Italia ha assunto da cinquant'anni e che è tenuta a rispettare in base all'articolo 11 della Costituzione”. Concorda anche il professor Andrea Morrone, che insegna Diritto Costituzionale all'Università di Bologna e dirige la rivista italiana Quaderni costituzionali: "L'impeachment viene utilizzato come un vessillo dai protagonisti politici, perché ormai si sta precipitando verso elezioni anticipate, quindi inserire anche il Quirinale all'interno del dibattito elettorale costituisce un tema politicamente molto importante". E in effetti "lo scontro non sarà lieve", sostiene Cheli: nelle future elezioni potrebbe esserci anche “una spaccatura del paese tra chi difende una collocazione dell'Italia nel quadro europeo e chi invece punta a superare questo accordo internazionale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni

    28 Maggio 2018 - 21:09

    A me sembra abbastanza chiaro il perchè fra i "rui da vaniddazza", in siciliano "i due tipacci della strada di campagna" un po' come i due bravi dei Promessi Sposi, quello più arrabbiato è Di Maio. Non solo è sfumato forse per sempre il suo spasmodico desiderio di essere Presidente del consiglio ma anche il fatto che molto probabilmente il movimento 5SS alle prossime elezioni subirà un calo consistente di voti a vantaggio della Lega se si deve dar retta ai sondaggi. Se ciò a elezioni concluse si dimostrasse vero Salvini potrebbe dettare lui i termini del contratto. Anche l'inflessibilità di Salvini sul nome di Savona mi fa pensare che sia stata una astuta mossa per andare a nuove elezioni. Non riesco a capire invece Berlusconi e Forza Italia che avrebbero tutto l'interesse a procrastinare il più possibile le nuove elezioni per potersi riorganizzare. Il Cavaliere mi sembra stanco e demoralizzato ma forse dovrebbe trovare la forza per cedere il comando ad un giovane in gamba.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    28 Maggio 2018 - 20:08

    Finiranno per litigare tra loro. Perché ciascuno dei due tirerà l'acqua al suo mulino. Tutti e discettare in punta di poteri costituzionali. Fino a quando alla democrazia rappresentativa si sostituirà la democrazia diretta saremo di fronte ad una ubriacatura collettiva che toglie ogni senso al principio di realtà. Però appare buffo, quello che non è riuscito alle Commissioni bicamerali e a due riforme costituzionali, cambiare cioè l'impianto della Costituzione, potrà forse riuscire per mano di quelli del 60% del NO. Surreale vero? Quelli che si sono battuti perché la Carta non cambiasse, ora vogliono cambiare tutto. Schizofrenia italica.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    28 Maggio 2018 - 20:08

    Che si rileggano attentamente le parole di Matterella dopo la rinuncia di Conte e parlare di impeachment e da trogloditi e incompetenti arruffa popolo. Mattarella ha fatto di tutto per contenere le astrusità dei 5S e della Lega. Andrebbe lodato. Il Signor Savona doveva parlare ieri o l’altro ieri non oggi e dire quello che gli pare. Caro Di Maio se ti leghi a Salvini ti impicchi. Ti sei prostrato su tutto per contenerlo e non ci sei riuscito. Sull’impeachment ti ha mollato e occhieggia a nonno Berlusconi. Non puoi cambiare casacca quando ti pare: bacio del sangue di S Gennaro, assicurazione dei mercati e euro poi abbozzi su Savona e torni nelle piazze come un sanculotto. Di Maio di lotta e di governo è una farsa. L’istituzione è una cosa seria, se la sbeffeggi perdi in credibilità, fiducia e immagine di statista. Di Maio un consiglio: richiudi le scatolette di tonno, vota Cottarelli e vai al voto da solo. Con Salvini sei morto. La delusione è non avervi visto governare. Dal 32 al 5%.

    Report

    Rispondi

  • albertoxmura

    28 Maggio 2018 - 18:06

    Non ha senso il "cherry picking" dei costituzionalisti. Mortati e Onida riconoscono solamente al PdR un controllo di legittimità. La questione è controversa. Resta il fatto che il PdR dovrebbe fare l'arbitro e non entrare in campo per giocare la partita. Che è esattamente ciò che ha fatto Mattarella. Detto questo ci vuol ben altro per parlare di attentato alla Costituzione.

    Report

    Rispondi

Servizi