cerca

Lo scivolone “a bocca aperta” di Fazio

Il "pronunciamiento" di Di Maio e la Rai che dimentica cosa vuol dire istituzione

28 Maggio 2018 alle 20:37

Lo scivolone “a bocca aperta” di Fazio

Fabio Fazio (foto LaPresse)

Dibba telefona a Giletti e l’“Arena” fa un grande balzo in avanti di ascolti, molto più di quello che ha guadagnato Fazio passando in diretta la telefonata in stile pronunciamiento sudamericano di Di Maio. Quindi no, siccome alla Rai il fatto loro lo sanno, non è stata una scelta per acchiappare un po’ di share. Inoltre, La7 non è servizio pubblico, fa capo a un editore privato. E’ stata allora una scelta giornalistica? Lo fu la telefonata in diretta di Giovanni Paolo II a “Porta a Porta” (allora i papi col cellulare non usavano). Questa, nel bel mezzo di una crisi politica e istituzionale, senza contraddittorio (poi è arrivato Martina, va bene, ma “poi”) e con il pubblico che non per forza doveva essere già informato di quanto stava avvenendo nel palazzo politico, sarebbe una scelta, dal punto di vista giornalistico, non proprio illuminata.

 

Diventare la quarta camera della Repubblica, a imitazione della terza di Vespa, non è un mestiere facile, e non si addice a Fabio Fazio. Un parlamentare che rappresenta il 32 per cento, e che a telefono aperto minaccia la messa in stato d’accusa del presidente della Repubblica, non è un bel sentire: ci sarebbe voluta la dose di mestiere necessaria a zittirlo, o arginarlo. E’ stato dunque uno scivolone politico? C’è chi ha commentato che si è trattato di “una delle pagine più nere che il servizio pubblico abbia mai offerto” e di “asservimento”. Affermazioni un po’ esagerate. Probabilmente domenica sera, ai piani alti della Rai, c’è stata molta agitazione e parecchia approssimazione. E, indubbiamente, la storica incapacità dell’informazione Rai di concepirsi come istituzione e come patrimonio comune ditutti i cittadini. Che non sono la vox populi e nemmeno l’audience di “A bocca aperta”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    29 Maggio 2018 - 09:09

    Sono i vertici Rai voluti e imposti da Renzi a presentare questi risultati, pessimi per ogni benpensante, e rovinosi pure per chi sperava di trarci un qualche guadagno elettorale. Oddio, anche a Mediaset non si scherza nel tirar acqua al mulino populista, leghista e grillino. In ossequio all’audience e malgrado il cosiddetto conflitto di interessi. Fazio non e’ piu’ all’altezza? E quando mai? E di quale altezza?

    Report

    Rispondi

  • ancian99

    29 Maggio 2018 - 00:12

    Non è possibile che per libera informazione si debba intendere lo psicodramma inscenato dai due attori principali, Salvini e Di Maio, con l'aiuto di conduttori che sorridono facilmente alle battute da strapazzo di piccoli uomini senza cultura.

    Report

    Rispondi

  • branzanti

    28 Maggio 2018 - 22:10

    L'impressione che ha dato Fazio e' stata quella di non riuscire minimamente a tenere sotto controllo la situazione, con imbarazzanti silenzi e imbarazzate espressioni. Considerando che il suo interlocutore non era Churchill o De Gaulle, ma Dimaio (sob), non e' stata una performance indimenticabile.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    28 Maggio 2018 - 21:09

    Fazio non è più all'altezza, e le sue risatine forzate, fuori tempo e stridule come il gesso nuovo sulla lavagna trapassano video e timpani per sottolinearlo. Ma possibile che la produzione, o anche solo i tecnici del suono, non se ne accorgano? Siamo ancora al culto della personalità?

    Report

    Rispondi

Servizi