cerca

Chiamiamo babbo Scola

Lo straordinario lessico familiare del grande regista, dove non si fa differenza tra film e realtà

13 Dicembre 2019 alle 10:53

Chiamiamo babbo Scola

La copertina di "Chiamiamo il babbo", Paola e Silvia Scola

Paola nel 1973 ha sedici anni e della sua adolescenza vive la rabbia, la depressione e tutte quelle inquietudini radicali tipiche dell’età, il padre le manda allora un biglietto, lui la chiama affettuosamente Ponzi. Il bigliettino contiene un disegno, un omino a uno sportello e una serie di indicazioni: tutto ciò che non è inutile fare nella vita, compreso il fatto che non è inutile chiedersi se tutto è inutile.   Paola riceve il biglietto e chissà dove lo dimentica...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi