cerca

Il problema non è la prescrizione, è la durata dei processi

Pretendere di ottenere che i tempi si adeguino ai ritmi di lavoro di chi deve portarli a termine è pretesa di inconcepibile arroganza

2 Novembre 2018 alle 06:18

Il problema non è la prescrizione, è la durata dei processi

Foto LaPresse

Dopo le riunioni di ieri degli uffici di presidenza delle commissioni Giustizia e Affari Costituzionali della Camera, è possibile che la proposta di blocco della prescrizione dopo la sentenza di primo grado, avanzata in un emendamento del M5s alla legge anti corruzione, slitti in avanti nel tempo. I rapporti fra Lega, molto perplessa sulla proposta, e M5s non ne trarranno giovamento e anche la stabilità del governo ne risentirà. Se si aggiunge a un contenzioso di sostanza sulla manovra economica un altro punto di frizione sulla giustizia, è logico che sia così. La polemica comunque proseguirà.

   

I valorosi pentastellati si battono perché i delinquenti non sfuggano attraverso cavilli alla pena dovuta ma la Lega, succube del Cavaliere vuole bloccarli. Questo il tema che si annuncia. Probabilmente è già in preparazione una adeguata intervista a Piercamillo Davigo sul Fatto. Però sarà difficile essere convincenti perché in realtà la prescrizione scatta per motivi che riguardano molto più l’operato della magistratura che quello dei difensori. Basta citare una statistica: circa i tre quarti delle prescrizioni scattano nella fase delle indagini preliminari, quando l’avvocato difensore non ha praticamente modo di intervenire, e una volta incardinato il processo, il codice parla chiaro: le interruzioni del processo causate da istanze della difesa sospendono i tempi della prescrizione. In parole povere la questione nasce dai tempi e modi di lavoro dei magistrati. Pretendere di ottenere che i tempi dei processi si adeguino ai ritmi di lavoro di chi deve portarli a termine è pretesa di inconcepibile arroganza, inammissibile per qualsiasi altra categoria. In fondo la questione è questa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Skybolt

    02 Novembre 2018 - 11:11

    Bordin, lei ha ragione. Ma che la magistratura sia composta da un buona quota di arroganti e posapiano è un fatto appurato. I condannati per il disastro di Viareggio saranno "graziati", con i ritmi attuali. Ai magistrati importa? Tanto c'è la "prewscrizioe" da incolpare. Ma allora, che si fa? Si impongono dei limiti di tempo? Sa che succederebbe, che i PM seguirebbero solo le inchieste che servono loro per i motivi più vari, e lascerebbero cadere il resto (già lo fanno, guardi il caso dell'omicidio di Rossi...). Si mettono delle sanzioni? Non penso sia fattibile. Guardi che l'ide di eleggere i PM, in un quadro complessivo riformato, non come misura spot, non è un'idea peregrina.

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    02 Novembre 2018 - 08:08

    "siamo cani in un canile dal quale ogni procuratore può prelevarci per fare la propria esercitazione e dimostrare che è più bravo o più severo di quello che aveva fatto un’analoga esercitazione alcuni giorni prima o alcune ore prima. ... Stanno distruggendo le basi di fondo e la stessa cultura del diritto". (dalla lettera d'addio di Gabriele Cagliari). Ci mancherebbe che questo incubo duri tutta una vita. Senza contare che l'art.111 della Costituzione prescrive che del processo penale "la legge ne assicura la ragionevole durata". E' ancora in vigore, nonostante che da un quarto di secolo la magistratura italiana pretende di essere esente da tutto quanto è "ragionevole".

    Report

    Rispondi

Servizi