cerca

Contro la dittatura delle procure

Perché abolire la prescrizione è un attacco alla nostra democrazia

2 Novembre 2018 alle 20:03

Contro la dittatura delle procure

Foto LaPresse

L’emendamento presentato dal ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, che prevede di bloccare la decorrenza della prescrizione dopo la sentenza di primo grado, rappresenta un passo decisivo per sostituire allo stato di diritto la dittatura delle procure. Un imputato non può salvarsi in nessun modo da una persecuzione giudiziaria interminabile. Va notato che la prescrizione viene a cessare anche per gli imputati che in primo grado vengono assolti. Questo significa che la procura, anche se le prove addotte in giudizio sono...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    04 Novembre 2018 - 19:07

    Va spiegato quello che i 5S vogliono fare. Il popolino crede che togliere la prescrizione sia un atto di giustizia mentre è un atto di dittatura in un sistema giudiziario che protrae i processi a piacimento. Chi incappera’ in un processo penale sarà condannato sine die. Fare riferimenti con altri paesi è da ipocriti e bari. Li la giustizia funziona e le lungaggini sono ridotte ai minimi termini. Come dice l’articolo siamo alla dittatura della magistratura e la Lega ha l’occasione di dimostrare la sua diversità. Il ricatto sulla sicurezza paventato dai grillini da la misura di chi abbiamo mandaro al governo. Informate finché siamo in tempo perché il caso è grave. Lo sfascio continua. Aiuto.

    Report

    Rispondi

Servizi