cerca

Contro la dittatura delle procure

Perché abolire la prescrizione è un attacco alla nostra democrazia

2 Novembre 2018 alle 20:03

Contro la dittatura delle procure

Foto LaPresse

L’emendamento presentato dal ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, che prevede di bloccare la decorrenza della prescrizione dopo la sentenza di primo grado, rappresenta un passo decisivo per sostituire allo stato di diritto la dittatura delle procure. Un imputato non può salvarsi in nessun modo da una persecuzione giudiziaria interminabile. Va notato che la prescrizione viene a cessare anche per gli imputati che in primo grado vengono assolti. Questo significa che la procura, anche se le prove addotte in giudizio sono state considerate insufficienti dal giudice, può continuare indefinitamente il procedimento, senza neppure l’obbligo di concluderlo in tempi certi. Sembra un libro di Franz Kafka: chi incappa nel sistema penale, innocente o colpevole che sia, non uscirà mai più dalla trappola infernale.

 

Persino inutile ricordare il carattere incostituzionale di questa norma, che nega il diritto a tempi ragionevoli per il processo e capovolge il principio della presunzione di innocenza. L’imputato è considerato sempre colpevole, se è stato assolto vuol dire che è riuscito a sfuggire alla giustizia, non che l’ha ottenuta, quindi resterà imputato a vita. Non si tratta solo di un attacco mortale ai princìpi delle garanzie, ma all’impianto fondamentale della democrazia. Si sposta in modo definitivo l’equilibrio già malfermo tra accusa e difesa e si dà all’accusa un potere insindacabile ed eterno. Si crea uno stato autoritario giustizialista, peggio, molto peggio che in Brasile. La Lega, che viene accusata spesso di tendenze autoritarie o addirittura fasciste, ha ora l’occasione di dimostrare che quelle insinuazioni sono infondate, può combattere per la difesa delle libertà costituzionali e se lo farà, come lasciano intendere i primi commenti venuti da quella parte all’iniziativa di Alfonso Bonafede, avrà diritto all’apprezzamento di tutti i democratici. In caso contrario, naturalmente, giustificherà i dubbi sulla sua coerenza democratica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    04 Novembre 2018 - 19:07

    Va spiegato quello che i 5S vogliono fare. Il popolino crede che togliere la prescrizione sia un atto di giustizia mentre è un atto di dittatura in un sistema giudiziario che protrae i processi a piacimento. Chi incappera’ in un processo penale sarà condannato sine die. Fare riferimenti con altri paesi è da ipocriti e bari. Li la giustizia funziona e le lungaggini sono ridotte ai minimi termini. Come dice l’articolo siamo alla dittatura della magistratura e la Lega ha l’occasione di dimostrare la sua diversità. Il ricatto sulla sicurezza paventato dai grillini da la misura di chi abbiamo mandaro al governo. Informate finché siamo in tempo perché il caso è grave. Lo sfascio continua. Aiuto.

    Report

    Rispondi

Servizi