cerca

Portiamo Israele in Europa

Una sfida all’estremismo, per essere dalla parte giusta della storia. Tante le adesioni all’appello fogliante

16 Ottobre 2019 alle 11:32

Portiamo Israele in Europa

Foto LaPresse

L’antisemitismo non è un problema che riguarda gli ebrei, bensì tutto il mondo libero ed è la spia di quelli che sono gli effetti del fanatismo e dell’estremismo di ogni genere. Lo ha detto la settimana scorsa il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu all’indomani dell’attentato terroristico alla sinagoga di Halle, in Germania, nel cuore dell’Europa. Dimostrare che l’Europa non è il continente in cui gli ebrei si devono difendere, ma è il continente che può aiutarli a difendere la loro identità e a combattere la cultura dell’odio è un compito di cui la stessa Europa dovrebbe farsi carico. Ecco perché il governo italiano potrebbe rendere di nuovo attuale una formidabile idea di Marco Pannella: allargare fino a Israele i confini dell’Unione europea. E dimostrare così di essere dalla parte giusta della storia.
Vogliamo Israele in Europa. Se lo volete anche voi, firmate qui:
israeleeuropa@ilfoglio.it


 

 

Al direttore - Subito Israele nell’Unione. Farebbe bene a noi e a loro. Un sogno come un’Europa veramente unita.

Roberto C. Dante 

 

Al direttore - Aderisco con entusiasmo. Pronto a qualsivoglia iniziativa.

Marco Medeghini 

 

Al direttore - Sono d’accordo, Israele in Europa!

Giuliano Villa 

 

Al direttore - Le scrive un giovane uomo di 27 anni, liberale e convintamente filoisraeliano. Al suo appello rispondo con tutte le mie forze: sì, voglio che Israele sia in Europa! La ringrazio per la sua iniziativa.

Luigi Pascale 

 

Al direttore - Firmo per Israele in Europa.

Chiara Spallino 

 

Al direttore - La democrazia israeliana è un fatto consolidato. Indipendentemente dai governi in carica. E quello attuale è uno dei più reazionari della storia dello stato ebraico. Ciò non toglie lo spirito dei valori inclusivi di Israele per la convivenza pacifica delle professioni religiose sul proprio territorio. Anche per queste ragioni è giusto che Israele faccia parte a pieno titolo dell’Europa.

Alessandro Pagliaro 

 

Al direttore - Aderisco convinto! Temo che continuerà a rimanere un pensiero visionario con questa Europa. Tuttavia come dice il Pirkei Avot: non spetta a te portare a termine l’opera ma non puoi esimerti dal compierla.

Massimo Gatti 

 

Al direttore - Salve, congratulazioni per l’iniziativa, cui aderisco con grande piacere.

Tommaso Virgili 

 

Al direttore - Sono a favore.

Gaetano Nazzaro 

 

È ora di portare Israele in Europa

Il dovere di difendere i simboli del mondo libero. L’antisemitismo è il termometro che misura la forza di tutti i fanatismi. Perché il governo ha il dovere di far rivivere un vecchio sogno pannelliano: sfidare l’estremismo portando Israele in Europa

 

 

Al direttore - La firma è d’obbligo essendo gli ebrei i nostri cugini maggiori. Occorrerebbe contestualmente però riscrivere la Costituzione europea inserendo le nostre radici cristiane nell’atto fondativo.

Tommaso Grassi 

 

Al direttore - Sì a Israele in Europa.

Gianclaudio Iannace 

 

Al direttore - Quando nel 2001 con la benedizione laica di Marco Pannella andai a Gerusalemme, alla Knesset raccolsi in pochissimi giorni le firme di una ventina di parlamentari su uno smilzo documento nel quale si chiedeva l’ingresso di Israele nella Unione europea. Fu subito chiaro che il lato debole dell’iniziativa era l’Europa, a parole amica degli ebrei e sempre a parole vicina ai palestinesi. In realtà indifferente alle sorti degli uni e degli altri e verrebbe da dire anche alla propria, come purtroppo dimostrano questi anni. L’Europa, nella quale riemerge con regolarità il fiume carsico dell’antisemitismo, segnale di allarme per la salute delle società europee già spazzate dal vento populista, ha oggi un terribile bisogno della vitale democrazia israeliana molto più di quanto Israele non abbia bisogno dell’Europa. L’Europa – sognata al confine di Ventotene e nata dalle macerie della Seconda guerra mondiale e dalle ceneri dello sterminio degli ebrei europei – oggi annaspa nella Realpolitik, che troppo spesso ha l’odore del petrolio iraniano o del gas russo, con buona pace di curdi e di qualunque altra fastidiosa minoranza, non sente ancora l’urgenza di ritrovare la propria anima.

Yasha Reibman 

 

Al direttore - Firmo l’appello del Foglio per aprire le porte dell’Ue a Israele.

Francesco Nicodemo 

 

Al direttore - Sarebbe anche un modo per creare una nuova linea di demarcazione dopo apertura contro chiusura.

Mario Mazzoli 

 

Al direttore - Avete la mia firma.

Daniele Tiles 

 

Al direttore - Firmo anch’io, grazie.

Fabiana Giacomotti 

 

Al direttore - Sottoscrivo appieno l’idea che fu di Marco Pannella, riproposta dal direttore Cerasa.

Alfonso Altieri 

 

Al direttore - Sottoscriviamo l’iniziativa del direttore. Sarebbe anche ora che Israele entrasse a far parte della Comunità europea.

Gabriele 

 

Al direttore - Con la presente, sostengo l’appello del vostro direttore C. Cerasa, per portare Israele in Europa.

Matteo Riva 

 

Al direttore - Sono assolutamente a favore.

Tiziana della Rocca 

 

Al direttore - Da sionista, da persona di centrosinistra, da convinto europeista non posso non aderire alla campagna lanciata dal Foglio per far entrare Israele nell’Unione europea: una sfida simbolica, certo, ma sostanziale, in difesa di quei diritti e quei valori che – nonostante alcuni goffi tentativi degli opposti estremismi – hanno un carattere universale. Dopo l’attentato antisemita di Halle, dobbiamo ancora di più far nostra la celebre frase “Non ricordate gli ebrei morti se non difendete quelli vivi”.

Marco Pierini 

 

Al direttore - Aderisco all’appello di Claudio Cerasa per allargare i confini d’Europa includendo lo stato d’Israele.

Egidio Papetti 

 

Al direttore - Io voto a favore.

Maurizio Gaffuri 

 

Al direttore - Aderisco all’iniziativa perché Israele è Europa e l’Europa è Israele: assieme alla cultura greco-romana il pensiero occidentale poggia le sue radici nella terra israeliana. Con noi condividono tutto, è ora che entrino a far parte della nostra famiglia europea!

Otto Rigoli 

 

Al direttore - Ascoltata da Radio Radicale l’intervista rilasciata dal direttore Claudio Cerasa alla giornalista Giovanna Reanda, esprimo la mia adesione alla ancor attuale idea pannelliana di un ingresso di Israele in Unione europea come segno di una presa d’atto dell’importanza di una Internazionale democratica che si affermi nell’area mediterranea avvalorando il senso delle idee liberali di rispetto delle libertà individuali e collettive versus il dilagare di democrazie illiberali, di regimi non democratici e del trasversale antisemitismo che si manifesta carsicamente accanto al riemergere di altri razzismi. Un appoggio quindi all’entrata di Israele in Unione europea, nel giorno che vede proclamare il Nobel per la pace significativamente al presidente etiope Abiy Ahmed Ali come riconoscimento per i cambiamenti positivi in atto e speranza in una inversione di rotta in senso liberale anche dei paesi del Nordafrica.

Bruno Cavallaro 

 

Al direttore - Firmo e controfirmo!

Dario Forti 

 

La battaglia di Marco Pannella per portare Israele in Europa

Allargare le frontiere europee fino a comprendere lo stato ebraico è “l’unica possibilità di andare a una rivoluzione democratica in tutto il medio oriente", diceva il leader dei Radicali

 

 

Al direttore - Buongiorno, sono profondamente d’accordo con la “vecchia e formidabile idea di Marco Pannella”.

Giorgio Vascotto 

 

Al direttore - Trovo giusto quanto espresso in oggetto perché è l’unica democrazia nell’area, e averla in Europa potrebbe permettere una sua migliore politica interna ed estera.

Mauro Marzola 

 

Al direttore - Voglio Israele in Europa.

Alessandro Vescovo 

 

Al direttore - Far parte dell’Unione europea, che non è il massimo cui si possa aspirare, ma attualmente pare non ci sia di meglio, sarebbe, per l’unica democrazia in quella regione, e per gli europei soprattutto, la migliore dimostrazione che la libertà vince. Viva Israele in Europa!

Rita Faletti 

 

Al direttore - Sarei felice se Israele entrasse a far parte dell’Unione europea.

Aldo Pecoraro 

 

Al direttore - Concordo nell’ammettere Israele nell’Ue e spostare così in medio oriente i confini dell’Europa.

Salvatore Chiaramonte 

 

Al direttore - Aderisco con convinzione alla vostra iniziativa.

Nicola Vaccani 

 

Al direttore - Aderisco.

Giuliano Zetti 

 

Al direttore - Volere lo Stato d’Israele all’interno dell’Unione europea implica, in sostanza, la ratifica politica di una condivisione culturale, filosofica e identitaria presente da sempre. Non a caso Paul Valéry considerava Atene, Roma e Gerusalemme le città che, più di altre, rappresentavano lo spirito europeo. Infatti Atene aveva scoperto l’individuo, Roma aveva creato il cittadino mentre Gerusalemme aveva rivelato la persona.

Luca Proietti Scorsoni 

 

Al direttore - Desidero fortemente portare Israele in Europa.

Federica Biglino 

 

Al direttore - L’antisemitismo non se n’è mai andato e oggi vive nella sua forma moderna: l’antisionismo. Israele in Europa è il messaggio più forte per estirpare l’odio antiebraico fomentato dai nemici della democrazia e per difendere la libertà di tutti. Per questo aderisco convintamente.

Federico Stefanutto-Rosa studente della Scuola Normale di Pisa e Public Affairs Consultant 

 

Al direttore - Sottoscrivo la vostra proposta di considerare Israele come confine dell’Europa.

Giovanna Ardimanni 

 

Al direttore - Non sarà facile ma ci proviamo.

Federico Piazza 

 

Al direttore - Ce lo chiede il futuro dell’Europa.

Enrico Bono 

 

Al direttore - Un sì deciso, vogliamo Israele in Europa.

Massimiliano La Russa 

 

Al direttore - Sono perfettamente favorevole a questa lodevole vostra iniziativa.

Guido Raffaele 

 

Al direttore - Aderisco all’appello del Foglio per la proposta “Israele in Europa”.

Franco Magnone 

 

Al direttore - Daje.

Filippo Giannelli Moneta 

 

Al direttore - Firmo anch’io per portare Israele in Europa.

Elisabetta Rudi 

 

Al direttore - Grande idea visionaria e giusta. Voglio Israele in Europa.

Pietro Mario Anzani 

 

Al direttore - Israele deve entrare in Europa!!! Muoviamoci subito, non rimaniamo indifferenti di fronte a un problema così grave e dimostriamo come l’antisemitismo sia una piaga gravissima della nostra società.

Anna Oddono Galler 

 

Al direttore - Contro l’antisemitismo mai sopito in diversi paesi europei e rinvigorito dai nazionalismi risorgenti sostengo la campagna “Israele in Europa”.

Giorgio A. Lovisolo 

 

Al direttore - Vogliamo Israele in Europa.

Riccardo Cevoli 

 

Al direttore - Voglio aderire alla campagna per Israele nell’Ue.

Andrea Castellana 

 

Al direttore - Voglio Israele in Europa!

Francesco Pini 

 

Al direttore - Israele in Europa!

Riccardo Brogi 

 

Al direttore - Sì, voglio Israele in Europa.

Simona Suozzo 

 

Al direttore - Sì, anch’io voglio Israele in Europa.

Giorgio Fiocchi

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mauzanini

    16 Ottobre 2019 - 18:06

    Anche io aderisco con entusiasmo e convinzione all'idea di portare Israele nell'Unione Europea. Farebbe bene ad entrambi. Maurizio Zanini

    Report

    Rispondi

Servizi