cerca

La prigione dei terroristi

Siamo entrati nel carcere in Siria dove i curdi tengono gli islamisti dello Stato islamico catturati, anche europei, che sono isolati e non possono sapere cosa succede fuori dalle celle

11 Febbraio 2020 alle 06:00

La prigione dei terroristi

Un prigioniero nel carcere di al Hasake, nella Siria orientale (foto Daniele Raineri)

Dal nostro inviato in Siria. “Zero diritti umani! Qui non ci sono diritti umani! Guarda come siamo stretti, guarda come siamo ammassati l’uno sull’altro, abbiamo a disposizione una striscia di pavimento di venti centimetri a testa per dormire. In Europa non avete idea di come ci trattano. E’ come se Hitler fosse tornato in vita e avesse riaperto le sue prigioni!”, dice Junaid Khan attraverso l’apertura rettangolare nella porta della prigione. Khan è un uomo dello Stato islamico, i curdi...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Daniele Raineri

Daniele Raineri

Di Genova. Nella redazione del Foglio mi occupo soprattutto delle notizie dall'estero. Sono stato corrispondente dal Cairo e da New York. Ho lavorato in Iraq, Siria e altri paesi. Ho studiato arabo in Yemen. Sono stato giornalista embedded con i soldati americani, con l'esercito iracheno, con i paracadutisti italiani e con i ribelli siriani durante la rivoluzione.

Segui la pagina Facebook

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi