cerca

De Vito arrestato per corruzione nell'inchiesta sullo Stadio della Roma

Secondo i pm l'esponente grillino avrebbe accettato tangenti dal costruttore Luca Parnasi per favorire la costruzione del nuovo impianto del club giallorosso a Tor di Valle

20 Marzo 2019 alle 10:44

De Vito arrestato per corruzione nell'inchiesta sullo Stadio della Roma

Foto Imagoeconomica

Il presidente della assemblea capitolina Marcello De Vito è stato arrestato questa mattina dai carabinieri con l'accusa di corruzione nell'ambito della inchiesta sul nuovo stadio della Roma. Secondo i pm Barbara Zuin e Luigia Spinelli, l'esponente del Movimento 5 stelle avrebbe accettato tangenti dal costruttore Luca Parnasi per favorire la realizzazione del nuovo impianto del club giallorosso a Tor di Valle. Con il grillino è stato arrestato e portato in carcere anche l'avvocato Camillo Mezzacapo che, su segnalazione dello stesso De Vito, ha ricevuto degli incarichi professionali. Per l'architetto Fortunato Pititto, legato al gruppo imprenditoriale della famiglia Statuto, e Gianluca Bardelli invece sono stati concessi gli arresti domiciliari.

  

 

Nell'ordinanza firmata nei confronti di De Vito e Mezzacapo, il gip Maria Paola Tomaselli scrive che “l'imprenditore Luca Parnasi, al fine di acquisire il favore di Marcello De Vito che guidava in qualità di presidente del Consiglio Comunale di Roma Capitale i lavori dell'Assemblea Capitolina riguardanti il progetto per la realizzazione del nuovo stadio della Roma, si è determinato, in adesione ad una specifica richiesta di De Vito, a promettere e poi ad affidare diverse remunerative consulenze all'avvocato Mezzacapo il quale ha operato quale espressione dello stesso De Vito”. Secondo il giudice, “De Vito avrebbe messo a disposizione la sua pubblica funzione di presidente del Consiglio comunale di Roma Capitale per assecondare, violando i principi di imparzialità e correttezza cui deve uniformarsi l'azione amministrativa, interessi di natura privatistica facenti capo al gruppo Parnasi".

 

Ecco la mappa del Campidoglio: burocrati, dirigenti e assessori

L’impressione è che Raggi, senza la vecchia compagnia, sia sempre più sola

 

 

I pm hanno iscritto nel registro degli indagati, per traffico di influenze illecite, anche Claudio Toti, attuale presidente della squadra di basket Virtus Roma e Pierluigi Toti. Secondo la procura De Vito sfruttando le relazioni che aveva in Campidoglio si era fatto promettere dai due imprenditori 110mila euro in cambio del suo interessamento con il pubblico ufficiale incaricato di approvare il progetto di riqualificazione degli ex mercati generali di Ostiense.

 

Complotto M5s per far fuori De Vito, spuntano le converazioni: Raggi la più agguerrita

Ecco gli screenshot di una chat di gruppo alla quale partecipano diversi grillini. 

 

Immediata la reazione del sindaco Virginia Raggi: “Nessuno sconto. A Roma non c'è spazio per la corruzione. Chi ha sbagliato non avrà alcuno sconto da parte di questa amministrazione”.

 

 

Mentre Luigi Di Maio ha già annunciato su Facebook l'espulsione di De Vito dal M5s: “De Vito non lo caccio io, lo caccia la nostra anima, lo cacciano i nostri principi morali, i nostri anticorpi”.

 

 


 

Ecco tutto quello che c'è da sapere sullo Stadio della Roma

 

Tutto quello che c’è da sapere su Stadiopoli. Le carte dei pm

“’Sto mondo Cinque stelle… ormai proprio sodali”, diceva il costruttore arrestato su ordine della procura

Nove arresti per lo stadio della Roma. E ora Virginia Raggi trema

Fermati l'imprenditore Parnasi, il vicepresidente del consiglio regionale Palozzi (FI), l'ex assessore regionale Civita (Pd) e l'ex superconsulente della sindaca, attuale presidente di Acea, Luca Lanzalone. Indagato il capogruppo grillino in Campidoglio Ferrara

Marcio su roma

Il trionfo squillante della bellezza e le rovine, il guano e l’immondizia. Una città che il protagonista del romanzo di Giacopini vuole affogare

Lo stadio della Roma tra gli annunci di Virginia Raggi e la realtà

Per la sindaca “i cantieri possono aprire entro l’anno” (lo aveva già detto nel 2017 e nel 2018) grazie al via libera del Politecnico di Torino. Ma la relazione dell'università dice che per evitare il traffico va incentivato l'uso dei treni e delle biciclette  

Buttarla in tribuna sullo Stadio della Roma

Relazioni e non corruzione e Lanzalone non è pubblico ufficiale. Su cosa punta la difesa di Parnasi

Quell'incontro tra Lanzalone, Parnasi e Giorgetti

Nella carte allegate all'inchiesta sul nuovo stadio della Roma un'informativa dei carabinieri che parla di una riunione, il 12 marzo, tra l'imprenditore, l'ex presidente di Acea e l'esponente leghista. Il soprintendente Prosperetti si aggiunge alla lista degli indagati

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • albertoxmura

    20 Marzo 2019 - 17:05

    La Costituzione recita: "L’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva" (art. 27, secondo comma). Un'espulsione immediata rivela la natura profondamente illiberale del M5S. Questi comportamenti induciono nella popolazione una veduta giustizialista estremamente pericolosa. Inutile e ingenuo espellere solo dopo che che la magistratura sia intervenuta. Chissà quanti altri sospettabili di corruzione infestano il movimento. Se davvero il M5S fosse il partito degli onesti così come lo intendono loro, nessuno incapperebbe mai in accuse di lavoro nero o corruzione.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    20 Marzo 2019 - 16:04

    È fuori, adesso, ma al momento giusto era dentro. Troppo comodo.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    20 Marzo 2019 - 14:02

    Al direttore - La natura dell'uomo non si può cambiare. Resistere alle tentazioni che noi stessi suscitiamo è impossibile. Ogni giudizio etico e morale è sempre in sintonia con interessi più o meno latenti. L'uomo sopravvive poiché la sua natura gli permette di ingannare e mentire a se stesso. In tutti i sensi e in tutte le circostanze. Per darci un contegno, da millenni, inseguiamo l'impossibile. Sapendo che tale è e tale rimarrà. Ma le regole del gioco sono quelle.

    Report

    Rispondi

  • leless1960

    20 Marzo 2019 - 13:01

    Se non ci fosse di mezzo Roma potrei confessare che godo come un riccio?

    Report

    Rispondi

Servizi