cerca

De Vito e i "forchettoni" del M5s

Il caso del grillino arrestato è un duro colpo per il Movimento, che riporta alla mente la citazione di Flaiano

21 Marzo 2019 alle 06:18

De Vito e i "forchettoni" del M5s

Marcello De Vito (foto LaPresse)

C’è poco da fare, il colpo è durissimo soprattutto perché era prevedibile e previsto, perfino auspicato, quasi degustato in anticipo da certi scadenti detrattori del M5s. Viene da pensare a uno slogan elettorale degli anni ‘50 che non fu mai adottato. Lo aveva coniato Ennio Flaiano per i radicali che debuttavano nella loro prima campagna elettorale: “Votate per noi, i forchettoni di domani”. Era ironico naturalmente e faceva il verso alla campagna moralizzatrice del Pci contro i democristiani, sui quali un grande propagandista come Giancarlo Pajetta aveva inventato l’incisivo neologismo “forchettoni” per stigmatizzarne la voracità di denaro pubblico. L’ironia di Flaiano non fu apprezzata dai radicali, gente austera, e non se ne fece nulla.

 

Oggi però lo scrittore pescarese trionfa con la parabola velocissima del M5s dopo i casi Marra, Lanzalone e ora De Vito, tutti personaggi di primo piano della giunta Raggi. Per non parlare delle numerose altre giunte a Cinque stelle con i sindaci indagati da Torino a Livorno fino a Bagheria. Secondo i loro stessi criteri il fallimento è totale ma il guaio è che i loro criteri sono rozzi e sgrammaticati e inquietano le persone sagge molto più delle corruzione che pure li mostra simili a molti. Tanto che il gip usa quasi le stesse parole di “mafia capitale”. Anche in questo caso una intercettazione ambientale fra De Vito e Mezzocapo viene definita “manifesto programmatico”. C’è però una innovazione. Il magistrato usa anche l’immagine di “un format riuscito”. Li rivedremo in un serial di Netflix?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi