E se Bolton testimoniasse?

Paola Peduzzi

Non tutto l’impeachment è noia: si valuta pure il prezzo di un tradimento (coi baffi)

Nell’impeachment dal finale annunciato è arrivato un colpo di scena. Ha i baffi bianchi (che da sempre fanno orrore al soggetto dell’impeachment, Donald Trump), una lunga carriera nell’apparato conservatore di politica estera, un incarico nell’attuale Amministrazione e un successivo licenziamento: si chiama John Bolton e ha scritto un libro. “The Room Where It Happened”, così si intitola il memoir dell’ex consigliere per la Sicurezza nazionale, uscirà a marzo, ma una copia del manoscritto è stata consegnata il 30 dicembre scorso alla Casa Bianca per la revisione di sicurezza che viene fatta normalmente quando si trattano informazioni classificate. Chi abbia visto e letto il manoscritto non si sa – tutti gli esperti consultati nelle ultime ore dicono che questi testi vengono fatti circolare anche presso lo staff, per avere dei resoconti, quindi non è dato sapere chi effettivamente lo abbia visionato – ma poi è arrivato al New York Times che domenica sera ha pubblicato due righe importanti. Bolton sostiene che Trump gli abbia esplicitamente detto che “voleva continuare a congelare i 391 milioni di dollari in assistenza per la sicurezza destinati all’Ucraina fino a che gli ucraini non avessero aiutato l’inchiesta sui democratici, inclusi i Biden”. In sintesi questo leak mostruoso implica tre cose: la formalizzazione del ricatto da parte di Trump nei confronti dell’Ucraina, che per ora, nel processo di impeachment, è trattato come una presunzione da parte dell’accusa, senza alcuna prova concreta; l’indebolimento della linea di difesa finora adottata dall’Amministrazione (che sostiene che non ci sia stato alcun reato); una spaccatura dentro ai repubblicani, la prima, il che significa che questa faccenda che Trump e il suo partito vorrebbero chiudere in fretta (per celebrare entro breve la vittoria e far continuare i festeggiamenti in campagna elettorale) rischia di complicarsi e allungarsi.

 

Il punto di rottura oggi è anche, per la prima volta, molto semplice, il che aiuta un procedimento che come si sa stufa anche perché è pieno di cavilli poco comprensibili: ammettere nuovi testimoni. I democratici vorrebbero invitare Bolton come testimone al Senato – lui ha detto di essere disponibile – ma per averlo, lui ed eventuali altri, bisogna organizzare una votazione. Prima quindi bisogna convincere il leader dei repubblicani al Senato, Mitch McConnell, a dare il via libera al voto, poi devono votare assieme ai democratici almeno quattro repubblicani: soltanto così saranno ammessi altri testimoni. Per la prima volta, sta prendendo forma una frattura dentro alla compagine repubblicana, perché la fedeltà al presidente è in cima alle priorità, certo, ma di tutto questo complesso processo uno degli elementi più chiari ha a che fare non tanto con gli abusi di potere o la Costituzione, quanto con il buon senso: se non vuoi ammettere testimoni, vuol dire che hai qualcosa da nascondere. E se lasci che quel qualcosa resti nascosto, la complicità comincia a diventare più di una normale, scontata scelta politica di partito. I lealisti sono spaventati, dicono che se si aprono le porte a Bolton poi le pressioni per avere altri testimoni sotto giuramento dell’Amministrazione – ambitissimo è Mike Pompeo, attuale segretario di stato apparso parecchio nervoso in questi giorni – diventerebbero tante, e forse incontenibili. Per questo, la linea difensiva dell’Amministrazione non è cambiata – it’s nothing – e si è aggiunta una linea: Bolton lo fa per vendere qualche copia in più (lo hanno detto sia Trump sia il suo avvocato Rudy Giuliani: è già slogan). Ma mentre si va a caccia di chi ha fatto avere al New York Times la copia del libro di Bolton, c’è un altro quesito, anche questo molto semplice: il rifiuto nei confronti dei testimoni nasce dal fatto che l’Amministrazione ha letto già nel dicembre scorso il libro di Bolton e da allora fa di tutto per evitare che vada in aula?

 

In questi giorni, qualche risposta si otterrà, ma il colpo di scena non soltanto ci aiuterà a dare un prezzo agli eventuali tradimenti, ma ci ricorda anche di buttare un occhio all’impeachment, ogni tanto: è stato studiato come un processo di rivelazione e svelamento, e se finisce in niente è perché i repubblicani sono più dei democratici, non perché non è stato rivelato o svelato niente.

Di più su questi argomenti:
  • Paola Peduzzi
  • Scrive di politica estera, in particolare di politica europea, inglese e americana. Tiene sul Foglio una rubrica, “Cosmopolitics”, che è un esperimento: raccontare la geopolitica come se fosse una storia d'amore - corteggiamenti e separazioni, confessioni e segreti, guerra e pace. Di recente la storia d'amore di cui si è occupata con cadenza settimanale è quella con l'Europa, con la newsletter e la rubrica “EuPorn – Il lato sexy dell'Europa”. Sposata, ha due figli, Anita e Ferrante. @paolapeduzzi

In Europa

In viaggio con la piccola Amel, la bambina siriana gigante

“Little Amal” fa parte del progetto “The Walk”, una camminata europea per non distrarci, per non ridurre il dibattito sui rifugiati a slogan acidi e a numeri da confrontare, paragonare litigandoci sopra senza capirci nulla. La chiamano campagna di sensibilizzazione ma è una bambina che cammina e che a differenza di molte altre bambine che incrociamo per strada si fa notare: è questa la sua forza, non è invisibile

Paola Peduzzi