cerca

Il perfido Soros

Si comincia con il complotto dei banchieri, si passa ai banchieri ebrei, si finisce con gli ebrei e basta. Antisemitismo, una nuova “normalità”

28 Gennaio 2019 alle 10:30

Il perfido Soros

George Soros (foto LaPresse)

Se qualcuno oggi andasse in televisione a dire che è in atto un complotto internazionale, organizzato e finanziato da banchieri ebrei, per inquinare la purezza della nostra razza, è ragionevole pensare che sarebbero in molti a scandalizzarsi e a protestare – o almeno così vogliamo sperare – per quella che apparirebbe a tutti come una plateale manifestazione di antisemitismo. E tuttavia, da alcuni anni, ci siamo tranquillamente abituati al fatto che politici e giornalisti vadano in tv a parlare di...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Francesco Cundari

Nato a Roma nel 1978, bocciato due volte al liceo, non ha dato miglior prova all'università. Ha lavorato nel carcere di Regina Coeli (una cosa complicata), nella federazione romana dei Ds (addetto stampa), nella migliore gelateria di Roma (operaio banconista) e in un sacco di altri posti. Come giornalista ha cominciato al Riformista di Antonio Polito nel 2002 ed è passato al Foglio nel novembre 2006. Crede nella fondamentale distinzione di Sartre tra "essere un cameriere" e "fare il cameriere". Pertanto non si considera un giornalista di sinistra, ma una persona di sinistra che fa il giornalista.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • verypeoplista

    verypeoplista

    28 Gennaio 2019 - 16:04

    Warren Buffet e George Soros, medesimo "mondo" ma etiche diversissime: io apprezzo il primo e non il secondo. Che poi Soros sia di una religione o un altra è indifferente e tale indifferenza dovrebbe essere tale per tutte le persone potenti o meno.

    Report

    Rispondi

  • joepelikan

    28 Gennaio 2019 - 15:03

    L'antisemitismo, oltre ad essere odioso, è imperdonabile. E Lannutti È imperdonabile: una simile ignoranza, reale o simulata, non può essere giustificata. Se poi è stato un ballon d'essai, è ancora più grave. Sarebbe bene si dimettesse. Ma è un problema anche perché viene usato strumentalmente dai difensori di Soros, inquinando la discussione. E invece l'ebraismo di Soros è, e dev'essere, irrilevante, tant'è che dalla stessa Israele egli è fortemente criticato. Il problema da porsi è: quanto il possesso di una somma enorme di denaro conferisce il diritto di interferire con il funzionamento degli Stati? Gli Stati, e le democrazie, hanno il diritto di proteggersi da interferenze esterne di soggetti potenti ma non statali, che contendono allo Stato la sua legittimità e sovranità, ovvero quelli che in teoria dei conflitti si chiamano Entità di Quarta Generazione?

    Report

    Rispondi

  • Skybolt

    28 Gennaio 2019 - 13:01

    L'uomo non è così banale come lo si racconta, da entrambe le parti. Per esempio, l'accusa durissima alla Cina come verrà digerita da chi fa il tifo per Xi come salvatore della globalizzazione? Più in generale, cosa succede quando la lobby sorosiana si scontra con quella cinese?

    Report

    Rispondi

Servizi