cerca

Prescrizione e tasse. Smascherare il governo della furbizia semantica

Altro che #bastaimpuniti, sarà l'esatto contrario. Guida ai fake annunci di Salvini e Di Maio

Salvatore Merlo

Email:

merlo@ilfoglio.it

9 Novembre 2018 alle 06:00

Prescrizione e tasse. Smascherare il governo della furbizia semantica

Luigi Di Maio

Quelli dello staff, i ragazzi della comunicazione di Rocco Casalino, acchiappano i deputati del M5s, uno alla volta, a coppie, a grappoli, nel bel mezzo di Piazza Montecitorio, su un divanetto del Transatlantico, in un corridoio anonimo o in cortile davanti alla fontana, e a ciascuno consegnano un foglio di carta formato A4 su cui compare la scritta #bastaimpuniti e via… sorriso, clic, selfie. Decine di selfie per Facebook, Twitter e Instagram. In un angolo, Luciano Violante, l’ex presidente della Camera, l’ex magistrato, osserva la scena, un sorriso repentino stira gli angoli delle vecchie labbra: “Questo è il primo governo della comunicazione, in senso letterale, cioè che vive immerso nella comunicazione secondo la seguente logica: l’annuncio equivale al fatto. Ma non è così”. E allora #bastaimpuniti, è l’annuncio. Dal 2020 non ci sarà più la prescrizione per i reati gravissimi. “Ecco appunto”, sorride Violante. “Purtroppo è esattamente il contrario. Se un magistrato si trova davanti a dei reati che non si prescrivono, è ovvio che darà la precedenza a quelli che invece rischiano la prescrizione. Con conseguenze che potrebbero essere paradossali. Altro che #bastaimpuniti”. Ma certe parole sono come i magazzini della Rinascente: ci puoi mettere dentro qualsiasi cosa. E quello di Salvini e Di Maio si candida a essere il primo governo, se non proprio della comunicazione, della furbizia semantica.

   

Le parole, diceva Prezzolini, sono fra i nostri nemici; ci tradiscono come ambasciatori, e ci ingannano come interpreti. E a ben guardare, quel che importa oggi è soprattutto la forza, l’energia, l’enfasi, come nella pubblicità: come il doppio brodo, il doppio sugo, il doppio concentrato. Quindi #bastaimpuniti, #spazzacorrotti, non parole ma talvolta parole d’ordine, rafforzativi, se non addirittura truffe di significato, frodi sintattiche, espressioni a doppio fondo, insomma titoli di leggi che non corrispondono ai contenuti dei provvedimenti, ma sono buoni per Instagram, nella misura di una politica che vive di marketing e di istantanee, di selfie, appunto. La più evoluta tecnologia del far credere. E allora ecco la flat tax che non è una flat tax, e non è nemmeno “il più grande taglio delle tasse della storia italiana”, come disse Matteo Salvini – a proposito di iperboli – ma è più modestamente l’estensione del regime forfetario dei minimi. Fino al condono che diventa “pace fiscale”, un po’ come nel film “Amici miei”, quando il tic della contraffazione semantica viene preso in giro così: “Non si dice ‘impotente’ ma ‘non trombante’”.

      
Ed è l’inghippo di un linguaggio che non è innocente, perché con la sua potenza è servito e serve a contrabbandare una cosa per un’altra. Come il banalissimo sussidio di disoccupazione che diventa l’altisonante “reddito di cittadinanza”, o il provvedimento sui “rimborsi ai truffati dalle banche” che è in realtà un salvacondotto per quelle banche che avrebbero rischiato azioni legali e onerosi risarcimenti. C’è poi ovviamente l’“azzeramento della legge Fornero”, la “quota cento”, che però vale soltanto per un anno, e della legge Fornero in realtà conserva l’impianto, e infatti chi vorrà andare in pensione prima prenderà un assegno più basso di quello che avrebbe preso aspettando il compimento dei sessantasette anni.

          
Ma le parole, si sa, non vogliono stipendio e si danno a chi meglio le adopera, per qualunque causa, anche quella di Instagram. Così mentre i grillini si fotografano con i cartelli su cui si legge la scritta #bastaimpuniti, mentre festeggiano l’eliminazione della prescrizione (ma dal 2020), i loro colleghi leghisti annunciano e festeggiano la riforma del processo penale, che dovrebbe (sempre nel 2020) accompagnare l’entrata in vigore del #bastaimpuniti, e di fatto annullarne gli effetti. Spiega dunque Salvini che “con la riforma avremo finalmente processi rapidi”. E insomma quelli propongono di eliminare la prescrizione e fanno immaginare processi lentissimi, e gli altri, per rimediare, propongono la riforma del codice penale e processi velocissimi. Sembra la scena di una commedia di Goldoni. Ogni attore parla per conto proprio a voce alta verso la platea, dice che sta combinando una beffa al vicino, il quale, naturalmente, non deve ascoltare, mentre anche gli altri fingono di non sentire di essere beffati: la sorpresa deve venire dopo (si presume nel 2020). “Questo è il primo governo della comunicazione, in senso letterale”, dice Violante, “cioè vive immerso nella comunicazione: annunciare qualcosa equivale ad averla fatta”. E che poi tutto ciò non corrisponda precisamente al vero, poco importa. Conta l’astuzia semantica (e il selfie).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ancian99

    09 Novembre 2018 - 18:06

    Non attribuisco a questi incapaci, che si esaltano nel pronunciare slogan, neanche la bravura di ricorrere all' "astuzia semantica". Quanto sta avvenendo è talmente privo non solo di conoscenza dei termini giuridici, dietro i quali si nascondono concetti inerenti alla scienza del diritto, ma di buona fede e di onestà intelllettuale, che l'unica speranza che nutro, avendo avuto un padre che da valido magistrato si è logarato l'esistenza per amore del Diritto, è l'insurrezione di quegli intellettuali che hanno sempre difeso i principi, le regole con costanza e totale buona fede.

    Report

    Rispondi

  • gaetano.tursi@virgilio.it

    gaetano.tursi

    09 Novembre 2018 - 17:05

    #bastaimpuniti o #bluff? Comprendo bene che sia irresistibile il (facile) esercizio di mettere il dito nella piaga di un “contratto di governo” (dichiaratamente) generato da posizioni (esplicitamente) espressione di opposte “visioni del mondo”. Ovvio, pertanto, il bello sfoggio di ironia nella gara a “smascherare il governo dalla furbizia semantica”. Del pari, mi piace rilevare che nello scontro tra il massimalismo giustizialista e l’ esigenza di sottrarre chiunque, giudicato in primo grado, a una incertezza senza fine, allo stato, la partita non è chiusa. E non è questione di “astuzia semantica”: è un dato politico. Nonostante il “vento che tira”.

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    09 Novembre 2018 - 12:12

    Non so come Merlo faccia a dire che la quota 100 varrà solo per un anno, anche perché oltre a non avere senso, se così fosse la Lega tornerebbe come votanti a valori pre 2018. Per i prossimi anni dovrebbero servire meno stanziamenti, perché il maggiore flusso di pensionandi ostacolati dalla Fornero si avrà il primo anno, poi si dovrebbe andare a regime. La quale legge Fornero non c'entra niente con la decurtazione dell'assegno, essendo così per via del contributivo a cui ormai tutte le pensioni sono assoggettate, e che dipende dalla riforma Dini del 1995. Le manfrine sui vari provvedimenti dimostrano solo una cosa: che Lega e 5S sono come acqua e olio, non amalgamabili né sintetizzabili, come era chiaro fin dall'inizio

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    09 Novembre 2018 - 09:09

    Tutto questo, ma anche molto meno, non sarebbe possibile senza il pubblico adeguato. Provate a sentire chi lavora negli help desk delle aziende, quelli che forniscono l'assistenza telefonica (o scritta ma molto molto raramente) per l'utilizzo dei prodotti di largo consumo, e vi racconteranno che cosa significhi nella realtà l'analfabetismo funzionale.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi