cerca

Propaganda virale

“Altro che italiano, il virus è cinese”. Parla Remuzzi, lo scienziato usato da Pechino come arma di propaganda

24 Marzo 2020 alle 06:00

Propaganda virale
Roma. “Non c’è alcun dubbio che il virus sia cinese. Questo è un esempio da manuale, da insegnare nelle Università, su come si possa manipolare l’informazione scientifica per ragioni di propaganda”. Il professore Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto Mario Negri e uno dei più noti scienziati italiani nel mondo, in questi giorni è diventato suo malgrado uno strumento della propaganda di Pechino, che ha diffuso una sua dichiarazione per far credere che l’origine del coronavirus possa essere italiana.     In...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • furlaninterfan

    25 Marzo 2020 - 09:04

    La disinformazija dei regimi 'democratici' comunisti è ben nota. Occorre però anche dire che una autorità scientifica come Remuzzi non avrebbe dovuto fare riferimento alla esperienza aneddottica dei colleghi medici di famiglia per affermare che la Covid19 era diffusa in Italia già in novembre e dicembre. D'altra parte se si volesse dimostrare questa precoce e nascosta diffusione del Covid 19 si potrebbero analizzare in retrospettivo i campioni di siero di questi casi di polmonite grave degli ultimi mesi del 2019. Con i dovuti distinguo, non si può invocare la correttezza delle informazioni solo negli altri. Iginio Petrussa

    Report

    Rispondi

  • AlessandroT

    24 Marzo 2020 - 08:36

    Vorrei anche segnalare che è pieno di connazionali felicissimi di bersi queste teorie della cospirazione. Ho visto amici intelligenti diffondere il video delirante di questo Massimo Mazzucco (uno che crede anche che gli USA si siano affondati le twin towers da soli, e che ci sia un complotto internazionale per boicottare una cura contro il cancro basata, mi pare, sul bicarbonato), secondo cui "tutto" punta ad un virus geneticamente creato dagli USA e spedito in Cina per contrastare la loro crescita economica e militare. Ovviamente questi intelligentoni americani non avevano considerato il dettaglio che i virus viaggiano gratis in aereo. Ho risposto con qualche link ad articoli su Lancet, e ho consigliato di leggere Spillover di Quammen, ma non c'è niente da fare, mi rispondono che le mie sono opinioni "di regime". A certa gente piace avere la sensazione di essere a conoscenza di verità segrete che misteriosi soggetti "non ci vogliono dire".

    Report

    Rispondi

Servizi