cerca

God Save the Europe

I problemi ci sono, ovvio, ma la novità è che l’Europa sta crescendo e ha fatto ciò che era necessario fare. Ha stanziato 2.700 mld e ora (novità) ne stanzierà altri 3mila per il dopo virus. Il dibattito farlocco sugli Eurobond e le soluzioni per il dopo

Claudio Cerasa

Email:

cerasa@ilfoglio.it

7 Aprile 2020 alle 06:13

God Save the Europe

La sala delle riunioni del Consiglio europeo a Bruxelles (foto LaPresse)

Per un pezzo importante della classe dirigente europea, la riunione convocata oggi dall’Eurogruppo sarà rilevante non solo per valutare le proposte che verranno girate al Consiglio europeo, per affrontare la crisi generata dal coronavirus, ma anche per inquadrare qualcosa di più immateriale, non misurabile attraverso il numero di miliardi stanziati per affrontare le conseguenze del Covid-19: la possibilità che l’Europa possa sopravvivere o meno alla pandemia mondiale. Per un pezzo importante della classe dirigente europea, la possibilità che l’Europa possa...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Claudio Cerasa

Claudio Cerasa

Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Andrew

    Andrew

    07 Aprile 2020 - 17:44

    Soldi prestati a debito, quando arriverà il momento di pagare (e sarà inesorabile) porterà a chi aveva situazioni debitorie pregresse, alle quali si sommano le attuali, allo stritolamento esistenziale! E pensa te, quando verranno ad espropriare e pignorare e spolpare, l’Europa, la sua Europa sig. Cerasa, non dovrà manco metterci la faccia mentre i vostri capitali/soldi/gioielli di famiglia faranno il cammino inverso al prestito (voi, nazione, governo, banche, Bce). No, la Troika non arriverà, né dovrà sporcarsi le mani, perché gli agenti ce li ha già qua: il governo! Il suo cavallo di Troika... I figli di Troika! Chi può, espatri, chi non può metta i capitali in fondo un patrimoniale all’estero; per tutti gli altri, buona fortuna. La Grecia? Era una barzelletta... Ah, mi raccomando state a casa e mettetevela bene in mente, datele un bacio e salutatela: l’avrete ancora per poco!!!

    Report

    Rispondi

  • Yogurt

    07 Aprile 2020 - 17:22

    errata corrige: franco-tedeso e non "franco-inglese" (auguri a BOJO)

    Report

    Rispondi

  • Yogurt

    07 Aprile 2020 - 17:20

    L'Italia, per chi crede God save Italy, è passata dal "Punt e mes" base del cocktail Negroni anni 50 al Conte e MES con l'Europa. Vedremo da stasera quanto L'Europa, ovvero il duo bullo & pupa franco-inglese ci proporrà. Oltre a God non bisogna dimenticare che l'Austria (8 milioni di persone, 2 milioni meno della Lombardia) si propone di ripartire il 15/4 e, suppongo via via gli altri per cui se non vogliamo un "disallineamento" che vorrebbe dire pericolo per i nostri prodotti nel mercato, Conte&MES dovrà agire smart e sopratutto veloce per un piano di partenza: scelte e priorità nei settori chiave .

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    07 Aprile 2020 - 17:20

    Immaginiamo l’Italia fuori dall’Europa e dall’euro e chiediamoci di quale livello di svalutazione sarebbe oggetto la nostra lira resuscitata.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi