cerca

Il primo test del Mose nel 2020 è andato bene

Questa mattina è stato provato l'utilizzo di 20 dighe mobili alla Bocca di Porto del Lido. “Continueremo a fare pressioni perché i lavori si concludano” ha scritto il sindaco Brugnaro

14 Gennaio 2020 alle 18:53

Loading the player...

Il Mose, il sistema di dighe mobili progettato per evitare a Venezia di essere sommersa costantemente dai livelli di acqua alta raggiunti nella Laguna, ha superato il primo test del 2020. Alle ore 8 e 30 di questa mattina, tutte e 20 le paratoie che compongono la barriera artificiale posta alla Bocca di Porto del Lido si sono alzate senza intoppi. La prova è andata avanti per diverse ore e si è conclusa alle 13 e 30, giusto in tempo perché il buon esito venisse ripreso dal ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli, intervenuto nella giornata di oggi durante un incontro all'Abbazia di San Pastore a Contigliano, dove il Pd si sta riunendo in un seminario. 

 

Anche il sindaco di Venezia ha espresso soddisfazione per il completamento, senza contrattempi, della prova di oggi. "Continueremo l’operazione trasparenza e a fare pressione perché i lavori si concludano: lo dobbiamo ai cittadini che vivono e lavorano a Venezia. Dimostreremo al mondo che l'opera funziona, in gioco c’è la credibilità del Paese", ha tuittato questa mattina Luigi Brugnaro. Il prossimo test è previsto per il 3 marzo, quando il test riguarderà le stesse paratie sollevate oggi. A giugno dovrebbe invece essere il turno dell'intero sistema, comprensivo delle tre dighe di Porto di Chioggia, Malamocco e Lido. 

 

“Non si può abbandonare Venezia alla logica del consenso”. Parla Marco Balich

Il cerimoniere olimpico: “Serve un super commissario con pieni poteri. Dico sì al Mose”

 

In ogni caso, come ricordato solo qualche settimana fa dal super-commissario per il Mose Elisabetta Spitz, l'innalzamento delle barriere in caso di emergenza non potrebbe avvenire prima di 6 mesi. Il completamento dei lavori e il conseguente varo sono invece previsti per l'ottobre del 2021. 

 

Il Mose serve e va sperimentato, con buona pace dei soliti catastrofisti

Agli italiani piace di più adagiarsi nel catastrofismo che prospettare soluzioni

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi