cerca

Zaia nell’acqua alta

Oltre il Mose. Le richieste del Veneto che Salvini non ha mai ascoltato

16 Novembre 2019 alle 06:00

Zaia nell’acqua alta

LaPresse

Col finto candore di chi s’indigna a comando, Luca Zaia ha gridato allo “scandalo nazionale”, parlando del Mose: “Ci sono cinque miliardi sott’acqua che non abbiamo ancora capito perché non siano in funzione. Si parla di quest’opera da quando andavo alle elementari”. E ha ragione, Zaia. Solo che, da quando ha completato le scuole, lui poi è anche stato ministro, vicepresidente e presidente del Veneto. Per cui, quando pretende di sapere “come sono stati spesi i soldi del Mose, e perché l’opera non sia terminata”, si ha come il dubbio che parli al se stesso riflesso nell’acqua che invade le calli di Venezia. “Stiamo ancora aspettando l’autonomia”, incalza, ricordando con sacrosanto orgoglio) come già un anno fa la sua regione dette prova di saper reagire all’alluvione che devastò le valli dolomitiche. E però Zaia evidentemente dimentica che per 14 mesi ha avuto a Roma il governo più filoleghista, autonomista e federalista della storia d’Italia. E il suo “Capitano”, Matteo Salvini, che pure ha saputo tenere a bada le riottosità grilline quando si trattava di non fare attraccare i barconi col loro carico di migranti, non ha mai voluto davvero imporsi sull’autonomia, dossier che era peraltro nelle mani operose di un ministro veneto e leghista. Certo, Zaia ha ragione a sottolineare che il Mose è un’infrastruttura nazionale, e non della sua regione. Ma basta questo, a un governatore, per sentirsi sollevato dal dovere di pretendere la realizzazione di un’infrastruttura che riguarda il proprio territorio? Sarebbe utile saperlo. Perché, sempre in quei 14 mesi gialloverdi, la Tav fra Brescia e Padova è stata tenuta in ostaggio dei ripensamenti grillini, senza che Zaia utilizzasse mai quei toni bellicosi sfoggiati davanti alla basilica di San Marco allagata. Tutta colpa di Danilo Toninelli, si dirà. E però, quando si discusse per la spartizione dei dicasteri, il Salvini che ora urla contro “l’Italia dei No” rinunciò sia al Mise sia al Mit, preferendo appendersi sulla giacca la stella da sceriffo del Viminale per raccattare consensi. Forse, la Lega avrebbe potuto avere più riguardo per Venezia e dintorni quando era al governo, e non solo limitarsi a glorificare, ora, gli ospedali veneti aperti anche di notte e nei weekend.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    17 Novembre 2019 - 12:47

    Zaia non si nasconda dietro il dito. Mai sentito il suo grido di dolore sul mose affondato. Mai dire noi non centriamo se si è nel posto dove l’acqua non perdona. Mai un grido di dolore nazionale a reti unificate sullo stato del mose. Cosi pure la stampa che lo riscopre ad inondazione annunciata. La verità è che siamo in mano a politici da dimenticare. Da sempre Bernacca, il meteorologo per antonomasia, ci ricordava la bora da Trieste e l’acqua alta a Venezia a seguire. La vergogna non è l’acqua alta a Venezia a cui siamo abituati ma le opere incompiute su cui tutti hanno lucrato. Zaia, anche se con le mani pulite, più coerenza, più azione e meno scaricabarile. Sembra un grillino più che un seguace del truce.

    Report

    Rispondi

  • ales1950

    16 Novembre 2019 - 12:54

    perfetto. Oh mi raccomando ragazzi, non chiudete bottega perchè siete indispensabili

    Report

    Rispondi

Servizi