cerca

Il suicidio perfetto della sinistra

A Milano l’anteprima della campagna di “odio istituzionale”, il ritornello di una sinistra priva di idee e orfana di leader

29 Agosto 2018 alle 19:17

Il suicidio perfetto della sinistra

Protesta in piazza San Babila contro l'incontro Salvini Orban (foto LaPresse)

La scorsa settimana ho parlato con irriverente ammirazione del ministro Di Maio e del “delitto perfetto” da lui evocato sulla vicenda Ilva: “La gara è illegittima ma non si può annullare” ha detto. Pensavo che posizioni così strampalate (“indecisione creativa” l’ho definita) fossero insuperabili. Ma oggi mi devo ricredere: la sinistra italiana sa fare di più e meglio. L’altro ieri a Milano ha messo in campo la Nuova Resistenza. Cioè? La solita Boldrini con i soliti compagni hanno lasciato per un giorno le solite spiagge di Capalbio e si sono ritrovati a protestare (come al solito) in un sit-in organizzato contro il governo populista-razzista-xenofobo. Cosa c’era a Milano? C’era Salvini che incontrava il premier ungherese Orbán per discutere di sicurezza e immigrazione. Capito? Non un raduno della feccia nazi-fascista, ma un incontro istituzionale (in Prefettura) tra il capo del governo magiaro e il nostro vice-premier. Con toni e cartelli di una violenza stupida (“Salvini, sei sulla linea rossa! Tra 4 fermate c’è Piazzale Loreto!”) che a sinistra – e solo a sinistra – è sempre consentita. E’ andato in scena nella capitale morale l’anteprima della campagna di “odio istituzionale” che, temo, sarà il ritornello (da qui alle elezioni europee del prossimo anno) di una sinistra priva di idee e orfana di leader. Un percorso che avrà un risultato facilmente prevedibile: il populismo di Salvini e Orbán si rafforzerà e la sinistra ne uscirà distrutta. Un vero suicidio perfetto. Amen. Stay tuned.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    30 Agosto 2018 - 21:09

    Togliete a Salvini il giocattolo e la sinistra non risorge ma torna. La sinistra deve prendere coscienza che una immigrazione selvaggia non vale per nessuno e Salvini è fritto. Provare per credere.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    30 Agosto 2018 - 20:08

    La sinistra è irrimediabilmente comunista e continua a alzare il ditino e a dare lezioni a tutti. La sinistra è per definizione comunista e il Folgio tempa fa scrisse con caratteri molto evidenti : " Il comunismo nelò secolo scorso ha provocato 100 ( cento) milioni di morti. Un commento da qualche comunista d'accatto ,che ormai dopo il 1989 il suo fallimento è stato sancito dalla storia :

    Report

    Rispondi

  • stearm

    30 Agosto 2018 - 17:05

    In preda a riflessi pavloviani. Capalbio, i comunisti... Una manifestazione della Boldrini (che rappresenta il 3% della popolazione italiana) e la "sinistra", che naturalmente per Maroni raccoglie cani e porci, ovvero chi elimina l'Articolo 18 e i punkabestia sotto la Metro, tanto che differenza farà mai, questa "sinistra" mitologica è motivo di fortissima preoccupazione. E' come aver paura degli unicorni. Anzi è come dire: aiuto, là fuori ci sono dei pericolosi unicorni, ma tanto si sa gli unicorni verranno sconfitti. Intanto lo spread sale, paghiamo il 3% di interessi, invece del 1,5%... e il Nord produttivo? Io spero che almeno si stiano preparando alla secessione, almeno avrebbe tutto un senso.

    Report

    Rispondi

  • maropadila

    30 Agosto 2018 - 11:11

    Fatto salvo il diritto alla protesta (purché non trascenda in atti di violenza) e scontato il carattere velleitario di questa sinistra (fortunatamente minoritaria), non può non destare preoccupazione, anche (e soprattutto, direi) per chi si colloca nell'area di centrodestra (esiste ancora?) l'operato di un Ministro dell'Interno che, di fatto, svolge il suo mandato come massimo responsabile della Lega e manifesta pericolose convergenze con esponenti di regimi illiberali.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi