cerca

Il pensiero unico degli "Amici dei Mori"

Sono tornati Battiato e Brunori, che insieme a Emma, Fabi, Salmo, Il Volo, Peyote e altri cantano all'unisono, senza mai una dissonanza o un dubbio

12 Novembre 2019 alle 06:00

Il pensiero unico degli "Amici dei Mori"

(Foto LaPresse)

A Beethoven e Sinatra preferisco l’insalata, a Battiato e Brunori preferisco due Campari. I due cantanti sono tornati con due brani invasionisti, ognuno nel proprio stile: il grande siciliano in stile rarefatto, il piccolo calabrese in stile greve. A loro devo aggiungere Mariangela Gualtieri, altrove brava poetessa, col suo ultimo libro dove si dimostra all’oscuro di Conrad e di Cristo (Luca 18,19) ossia dell’esistenza del peccato originale: “Bussano giù al porto – i supplici./In fuga da guerra siccità/miseria spietatezza – non sanno che ora noi/ce le cresciamo dentro, queste erbacce”. Battiato, Brunori, Gualtieri (e poi De Luca, Emma, Gemitaiz / Fabi, Mengoni, Coez / Volo, Veronesi, Urso / Murgia, Salmo, Michielin / Hunt, Levante, Albinati / Baglioni, Giorgia, Peyote…) cantano all’unisono, senza mai una dissonanza, un dubbio, un pensiero personale, formando un immenso coro che chiamerò “Gli Amici dei Mori”. Un coro di tenebra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • malta1565

    12 Novembre 2019 - 18:08

    Langone al quirinale

    Report

    Rispondi

  • carloalberto

    12 Novembre 2019 - 13:54

    In effetti sarebbe ora che qualcuno chiarisse il perché, per essere cantanti in Italia, bisognerebbe cantare per forza testi politicamente impegnati e pendenti da una sola parte.

    Report

    Rispondi

    • Alessandro2

      Alessandro2

      20 Novembre 2019 - 15:17

      (c) Leftist Power, dal 1968 sui vostri schermi (e libri di testo scolastici, ecc.)

      Report

      Rispondi

Servizi