cerca

Il Pd crede al governo di centrodestra con Renzi. Manovre a Roma (e in Rai)

Al Nazareno si sta facendo strada un’ipotesi apparentemente fantapolitica ma a cui credono sempre più dirigenti

18 Febbraio 2020 alle 06:00

Il Pd crede al governo di centrodestra con Renzi. Manovre a Roma (e in Rai)

LaPresse

Al Nazareno si sta facendo strada un’ipotesi apparentemente fantapolitica ma a cui credono sempre più dirigenti del Pd per spiegare quali siano i veri obiettivi di Matteo Renzi. Al Partito democratico si sono convinti che non solo il leader di Italia viva voglia veramente far cadere il governo Conte ma che punti a proporre subito dopo un governo istituzionale per ottenere in realtà un esecutivo di centrodestra di cui però Iv faccia parte. Un esecutivo presieduto da lui medesimo. “In...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Massimo47

    18 Febbraio 2020 - 12:18

    Se si da credito ai sondaggi (ed ai risultati in Emilia), l'area che va da IV fino a +Europa già viaggia attorno al 10%. A questi potrebbero aggiungersi i resti moderati di FI (magari con Berlusconi fuori per "limiti d'età") ed i liberal-democratici potrebbero arrivare al 15%. Craxi con il 14% è stato Presidente del Consiglio per circa 4 anni. Le regionali al PD le sta facendo perdere Zingaretti, che invece di attrarre quest'area anti populista, va alla ricerca di improbabili accordi con i residui del M5S, ormai in caduta libera ed ancora fieri di quanto fatto assieme a Salvini.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    18 Febbraio 2020 - 08:22

    Sono convinto che se Renzi e Berlusconi si unissero in una alleanza per formare un aggregato di centro che prestasse attenzione alle istanze della destra moderata e contemporaneamente a quelle della sinistra moderata si potrebbe creare una formazione molto equilibrata, attenta alle istanze industriali e al contempo vicino al sindacalismo marca Bentivoglio. I due alleati potrebbero spiccare il volo e arrivare verosimilmente al 10% elettorale. Forse anche qualcosina in più visto e considerato che brandelli dell'ormai sempre più declassato 5* potrebbero convergervi. Io ho l'impressione che Berlusconi ne sarebbe interessato. Non so se lo stesso sarebbe per Renzi che in questo momento mi appare piuttosto salterino e anche un po' confuso. Comunque chi vivrà vedrà. Si tenga presente che una forte formazione di centro potrebbe mitigare gli oltranzismi di destra e quelli di sinistra. D'altronde Craxi governava il paese e tutta la politica con appena il 12% di consensi.

    Report

    Rispondi

Servizi