cerca

Il salvinismo è anche un tintinnare di tweet

I tormentoni, la caccia al nemico, la strategia della moltiplicazione del messaggio. Catalogo della propaganda social del vicepremier e ministro dell’Interno

11 Marzo 2019 alle 11:30

Il salvinismo è anche un tintinnare di tweet

Foto LaPresse

All’inizio ci si sente persi in un mare di bacioni e cazzotti; di schiaffi e iperboli; di vittimismo e gagliardismo col fez. Se si decide di sottoporsi all’infausta attività di scorrere tutti i tweet di Matteo Salvini da quando è ministro (1° giugno) fino a pochi giorni addietro (la fine del festival di Sanremo), ci si ritrova incastrati in una sorta di metodo Ludovico di kubrickiana memoria, ci si sente incatenati a un rito rieducativo che incita, un tweet dopo l’altro, a buttare il proprio cervello all’ammasso. Dopo un po’ però – così come lo scacchista principiante a furia di giocare vede diagonali e traverse in quella che prima era solo una tavola di caselle bianche e nere – a furia di scorrere la propaganda social di Salvini qualcosa di chiaro emerge in quel mare di foto, meme, emoticon, video e frasi a effetto. Emergono schemi. Emergono tormentoni. Emergono strategie e stratagemmi.

   

Il nemico, in quei tweet, è ovunque (qua ne proponiamo un elenco che, per ovvie ragioni di spazio, non può essere esaustivo). Il nemico è evocato, scovato, provocato, a volte coccolato con la stessa morbosità dolce-salata, con la stessa attenzione ossessiva, che il bullo sa riservare alla sua vittima preferita. Ma non solo questo. In quella sterminata lavagna post-moderna emerge anche chiara una strategia raffinata da corso avanzato in social marketing: l’imperativo è fagocitare la fama altrui. Attaccare senza sosta Saviano, Gad Lerner, Gino Strada, Laura Boldrini, Emanuel Macron, rapper cari ai millennial, artisti internazionali, giornali esteri, è una maniera per tenere sempre alto l’hype polemico. E’ la lunga sequela di insulti e risposte, accuse e difese, insolenze e repliche indignate, che permette la moltiplicazione del messaggio: ogni rimbalzo milioni di nuove impressions. E poi su @matteosalvinimi trovano spazio tutte le birbonate fuori controllo (“nazista”, “fascista”, “Hitler”) rivolte al vicepremier, birbonate che per lui sono oro colato: le rilancia, le commenta, ergendosi a chiave di volta del sistema mediatico. Ma ci sono anche molte affermazioni degli avversari che, opportunamente decontestualizzate da testate amiche (Libero online, Il Giornale online, ecc.), vengono servite su un piatto d’argento a Luca Morisi, social manager del Capitano. Non mancano le foto scelte con cura affinché i “nemici” risultino sempre fuori controllo, imbarazzati, irati, deformati; e abbondano i paragoni illogici, che non reggono, relazioni impossibili tra insiemi disgiunti (tra i vincoli di Bruxelles e il cibo che viene dall’estero, per esempio).

   

Ma c’è anche la gogna per i giornalisti, i preti, i vignettisti, gli esponenti dello spettacolo, della cultura, che dicono quello che dicono, che pensano quello che pensano, perché “rosicano”, sempre, costantemente; o perché sono ricchi, milionari e naturalmente: radical-chic! (Ma i replicanti sovranisti hanno tutti le pezze al culo?). Ma la stessa gogna vale anche per esimi sconosciuti rei di aver detto qualche sciocchezza su Salvini, o anche solo di aver scritto un commento su Facebook o di aver messo un like su Instagram. Anche loro nella propaganda d’ufficio del ministro dell’Interno sono rappresentanti malvagi dei poteri forti traditori dell’Italia agli italiani: se voi ci siete io ci sono! molti nemici molto onore! Tutto questo è Matteo Salvini e la sua comunicazione – e quindi la sua politica. In altri tempi si sarebbe parlato di un prepotente che usa la “divisa” per abusare del suo potere. Oggi è tutto sommerso da un tintinnare di retweet.  


      

Vauro, 4 giugno. Una risata li seppellirà! (A Vauro che aveva detto: “Il governo è vomito e bile”).

        

Mario Balotelli, 5 giugnoCaro Mario, lo “ius soli” non è la priorità mia, né degli italiani. Buon lavoro, e divertiti, dietro al pallone. (A commento di alcune dichiarazioni del calciatore a favore dello Ius Soli).

      

      

Fabrizio Corona, 5 giugnoCi mancava pure Corona... (A commento della dichiarazione di Fabrizio Corona che aveva detto: “Se Salvini è ministro dell’Interno, io posso essere il ministro della Giustizia”).

    

New York Times, 6 giugnoAltro fango dei “poteri forti”, altro orgoglio per me!!! (A Roger Cohen del New York Times che aveva scritto un articolo dal titolo “A Cheer for Italy’s Awful New Government”).

 

Cgil, 5 giugnoUn Maalox per i compagni della Cgil. (Commento alla notizia “Salvini parte per Brindisi i passeggeri intonano Bella ciao”).

 

Emma Bonino, 9 giugnoEh sì, anche per l’amica di Soros è #colpadiSalvini. Questi insulti mi dicono che siamo sulla strada giusta. (Bonino aveva detto: “Il linguaggio di Salvini misto di volgarità e squadrismo”).

     

Eugenio Scalfari, 10 giugnoDa Repubblica di oggi: Salvini “razzista e populista” come Mussolini... “Mio impegno sarà sì quello di salvare il Paese, ma da Scalfari e da quella “illuminata classe dirigente”, con cuore a sinistra e portafoglio a destra, che ci ha portato in queste condizioni. #colpadiSalvini” (Scalfari aveva scritto: “I nostri governanti parleranno mai dal balcone di Piazza Venezia? Salvini forse una tentazione l’avrebbe”).

    

    

Giuliano Ferrara, 11 giugno. “DENUNCIARE Salvini, fermare il bullo di Stato”. Che tristezza. Un Maalox anche per Ferrara. (A commento di un tweet di Giuliano Ferrara).

     

Edoardo Albinati, 14 giugnoLo scrittore Albinati: “Ho desiderato che morisse qualcuno sulla nave Aquarius. Ho detto: adesso, se MUORE UN BAMBINO, voglio vedere che cosa succede del nostro Governo”. Che vergogna. (Albinati disse in un incontro pubblico: “La Realpolitik brutalmente applicata dal ministro di Polizia aveva generato un pensiero altrettanto brutale, il mio, con l’intenzione di raddrizzare di colpo la bilancia. Era arrivato il momento buono di confessarlo”).

     

Geimitaiz, 14 giugno“Salvini ti auguro il peggio, SE MUORI facciamo una festa”. Parola del rapper Gemitaiz, ma chi è ‘sto fenomeno? Che problemi ha, secondo voi???

 

Don Giorgio de Capitani, parroco residente alla Valletta, nel Meratese, 15 giugnoPregate per questo “prete”, ne ha bisogno. (A commento di alcune dichiarazioni del parroco: “Buttiamo fuori i leghisti dalle chiese, dai consigli pastorali, dagli oratori “Salvini si dice cristiano, ma è un blasfemo”).

   

Matteo Renzi, 15 giugnoRenzi dice che si VERGOGNA delle mie parole. Credo che a vergognarsi dovrebbe essere lui per aver permesso che il Paese fosse invaso da centinaia di migliaia di presunti profughi. Sbaglio??

     

Ong Life Line, 16 giugnoLa nave Ong Lifeline commenta: “Quando i fascisti ci fanno pubblicità...”. Roba da matti. A casa nostra comandiamo noi, la pacchia è STRA-FINITA, chiaro? Insulti e minacce non ci fermano. (A commento di un reply della Ong ad un tweet di Salvini).

    

L’Espresso, 16 giugnoAlla faccia del “giornalismo”, ormai alla sinistra rimangono bugie e insulti. Mi fanno tenerezza. (In commento alla copertina de L’Espresso con un primo piano di Salvini e del sindacalista Aboubakar Soumahoro e il titolo “Uomini e no”).

    

Macron e Saviano, 21 giugnoGli insulti dei chiacchieroni Macron e Saviano non mi toccano, anzi mi fanno forza. Mentre loro parlano, io oggi sto lavorando per bloccare il traffico di immigrati clandestini nel Mediterraneo e per restituire agli italiani le numerose ville sequestrate ai mafiosi. C’è chi parla, c’è chi fa. Bacioni.

    

Ong Lifeline, 22 giugnoLa NAVE FUORILEGGE #Lifeline è ora in acque di Malta, col suo carico di 239 immigrati.

    

Vari, 23 giugnoIl signor Toscani lancia l’appello e gli rispondono nell’ordine: Martina, Calenda, Bonino, Delrio e Gentiloni. Non è uno scherzo! #teamrosiconi. (A commento di un’immagine che riporta le risposte degli esponenti pd ad un “grande movimento di resistenza” lanciato da fotografo).

    

    

Furio Colombo, 24 giugnoIl noto “intellettuale” della sinistra al caviale mi paragona al criminale nazista Adolf Eichmann, scrivendo che la mia missione è “far soffrire di più coloro che non dovrebbero esistere”. Senza parole. Posso dire che mi fa schifo e che mi vergogno io per lui? (A commento di un articolo pubblicato dal Fatto Quotidiano).

    

Proactiva Open Arms, 24 giugnoQuesti “volontari” mi danno dello “stronzo di merda” perché stiamo bloccando i trafficanti di esseri umani... Fortuna che loro sono i buoni e noi i cattivi. (Con allegata un’immagine che sottolinea un like della Ong Proactiva Open Arms ad un tweet di un utente).

    

Massimo Bucchi, 26 giugnoSquallore incredibile. Che dite, iniziamo a querelare? (A commento di una vignetta di Massimo Bucchi su Repubblica).

     

Enrico Rossi, 26 giugno“Senza stranieri la Toscana sarebbe un deserto di miseria” dice il governatore di sinistra #Rossi, che aggiunge “noi vogliamo sfidare #Salvini in piazza”. Ma secondo voi a sinistra ci sono o ci fanno???

     

I Pearl Jam, 28 giugnoOnore a Rita Pavone, che non si inchina al pensiero unico! (In sostegno alla cantante che aveva invitato a “farsi gli affari suoi” la band che durante un live a Roma avevano eseguito Imagine di John Lennon e si era detta a favore dell’apertura dei porti).

    

Emmanuel Macron, 28 giugnoMa voi avete mai visto qualcuno che accarezza il Papa??? (A commento della foto di un incontro tra Papa Francesco e il presidente francese).

     

Tito Boeri, 29 giugnoSecondo Boeri, presidente dell’Inps, la “riduzione dei flussi migratori” è preoccupante, perché sono gli immigrati a pagare le pensioni degli italiani… E la legge Fornero non si tocca. Ma basta!!!

    

Coca Cola, 1 luglio. #Salvini: Multinazionali come Coca Cola vanno a sponsorizzare le giornate dell’orgoglio solo per guadagnare qualche consumatore in più. Finché avrò voce difenderò diritto dei bambini di avere una mamma e un papà e delle donne, di non essere usate come uteri in affitto. #Pontida18. (A commento della sponsorizzazione del Roma Pride da parte della multinazionale americana).

    

Vari, 1 luglio. La Lega è morta” diceva qualche giornalista un po’ tempo fa. Un bacione a Gad Lerner, Fazio, Saviano e a tutti i rosiconi. #Pontida18.

    

Leoluca Orlando, 6 luglioVergognoso, mi viene voglia di querelarlo. (A commento di una dichiarazione del sindaco di Palermo: “Salvini ossessionato da migranti, di fatto agevola le mafie”).

    

Armando Spataro, 9 luglioForse il procuratore capo di Torino pensa che l’intera Africa possa essere ospitata in Italia? Idea bizzarra. (A commento di una dichiarazione del magistrato: “Non si può respingere in mare gli immigrati e non vagliare la loro richiesta di status di rifugiato politico”).

     

Generico, 13 luglio#Salvini: in alcune farmacie frequentate da buonisti col Rolex pare siano finite le scorte di Maalox. #NonStopNews @rtl1025

    

Asia Argento, 20 luglio. Dai Asia, secondo me non sei così cattiva, se ti va ti offro un caffè (meglio una camomilla), mi racconti i problemi che hai e vedo se posso aiutarti... (Ad Asia Argento che aveva twittato “#salvinimerda”).

      

      

Vari, 24 luglioSe Gad Lerner, Vauro, Librandi e compagni vari mi danno del “razzista”, la giornata comincia bene!

     

Famiglia Cristiana, 25 luglio#FamigliaCristiana mi accosta addirittura a Satana. Io non pretendo di dare lezioni a nessuno, sono l’ultimo dei buoni cristiani, ma non penso di meritare tanto. (A commento di una prima pagina del settimanale cattolico dal titolo “Vade retro Salvini”).

     

Nina Zilli, 26 luglio“Fanculo Salvini”. Abbiamo una vincitrice per il premio “Furbizia” dell’estate 2018! (A commento di un video di un concerto della cantante Nina Zilli).

     

Generico, 29 luglioTanti nemici, tanto onore! (A commento di un articolo di Affari Italiani dal titolo: “Abbasso Salvini”: Sinistra, cattolici, tutti contro. Ma il suo consenso sale”).

    

Generico, 29 luglioCerti “uomini” non possono neanche essere chiamati bestie, sarebbe un complimento. (A commento della notizia dell’avvelenamento del cane Kaos, “il cane-eroe del terremoto di Amatrice”. In realtà si scoprì dopo che il pastore tedesco, ai tempi del terremoto di Amatrice era appena nato, tanto che anche il suo proprietario spiegherà con un post su Facebook: “Kaos non era un cane eroe… sono altri i cani eroi… forse lo sarebbe diventato”. Vari dubbi sono stati avanzati anche sulla causa della morte dell’animale, secondo alcuni esami dovuta a infarto).

  

Fiorella Mannoia, 30 luglio. Dai Fiorella, non esagerare, pensa al cielo d’Irlanda e canta che ti passa. (A commento di una dichiarazione della cantante che aveva scritto in un tweet: “Il lavoro del “ministro della paura”sta dando i suoi frutti”). 

   

Vittorio Zucconi, 1 agostoFermi tutti. Parla il giornalista sinistra-e-caviale: “L’Italia non ha un’emergenza razzismo. Ha un’emergenza Salvini”. Nonostante ci impartisca queste belle lezioni dalla sua casa vicino Washington, il rosicamento si sente fino a qui. Baci anche a Zucconi. (A commento di un tweet di Zucconi).

    

Gemitaiz e Murubutu, 5 agostoGemitaiz e Murubutu ce l’hanno con me. Ah beh, allora... (A commento di una dichiarazione di Alessio Mariani, 43 anni, insegnante di storia e filosofia in un liceo di Reggio Emilia e rapper con lo pseudonimo di Murubutu che a Repubblica aveva detto: “Quello da cui dobbiamo fuggire è un’interpretazione calcistica della realtà, cioè buoni contro cattivi”).

     

Ada Colau, 6 agosto. “Salvini rappresenta il caos, la distruzione dell’Europa e della democrazia. L’Italia non è Salvini”. Così parlò il sindaco di Barcellona. Che dite, devo essere preoccupato o felice??

   

L’Espresso, 7 agostoRoba da matti... Questo caldo africano avrà dato alla testa a qualche giornalista dell’Espresso. (A commento di un test ironico pubblicato dal settimanale diretto da Marco Damilano).

     

Presidentessa locale Arci, 9 agosto“La merda ha più valore di Salvini”. Se lo dice la presidente dell’Arci di Lecce lo prendo quasi come un complimento! Un bacione per lei Che dite, querelo? (A commento dello screenshot di alcuni commenti su Facebook).

      

Generico, 9 agostoIo e loro mandiamo un bacione a voi e ai buonisti rosiconi! (A didascalia di una foto con alcune capre).

     

     

I richiedenti asilo che vogliono Sky, 10 agostoSe questi signori, ospitati a spese degli italiani, non si trovano a loro agio nel nostro Paese sono pregati di trovarsi un’altra sistemazione. Chi scappa dalla guerra non ha bisogno di Sky... (A commento di un articolo del Giornale dal titolo: “I migranti vogliono Sky. La questura non conferma, il quotidiano sì”. Il ministro dell’interno evidentemente dà maggior adito a quanto scritto da un quotidiano di parte a scapito di ciò che dice una Questura della Repubblica).

   

Luigi De Magistris, 13 agostoIl sindaco di Napoli vuole ospitare (e mantenere) altri immigrati in città. Paga lui? (A commento della dichiarazione del sindaco di Napoli che aveva invitato la nave Aquarius a sbarcare al porto di Napoli).

   

L’Express, 19 agosto“Populista, xenofobo, che fa tremare l’Europa”. Anche dalla Francia non sanno più cosa inventarsi per attaccarmi. Lo mandiamo un bacione ai buonisti e radical chic transalpini? (A commento della copertina del settimanale francese L’Express).

   

Turisti esibizionisti, 21 agosto. Saprò io come “educare” questi idioti se verranno presi, l’Italia non è il bagno di casa loro! (A commento della notizia: “Roma, nudi nella fontana di piazza Venezia. La goliardata in pieno giorno sotto gli occhi dei turisti”).

  

Roberto Saviano, 22 agosto. Finisce l’estate e tornano le fesserie di Saviano! Vi era mancato? A me no. (A commento di un articolo di Libero online che riporta alcune dichiarazioni dello scrittore).

    

Manifestanti, 22 agostoA Catania sono arrivati anche i “numerosissimi” contestatori che vogliono ancora immigrati... Glielo mandiamo un bacione? (A commento di una foto che mostra dei manifestanti con gli striscioni “Restiamo umani” e “Mai più naufragi”).

    

Repubblica, 22 agosto. Repubblica è inconsolabile: con meno sbarchi, vanno in crisi le coop. La pacchia è finita, e il business pure. (A commento di un articolo intitolato: “Stretta gialloverde sull’accoglienza, in Sicilia a rischio 6mila posti di lavoro).

       

Ignoti, 23 agostoInfami. (A commento di un articolo de Lazampa.it: “L’autopsia conferma: è stato avvelenato Buddy, il cane da soccorso alpino amico delle persone”)

 

Migranti sulla Diciotti, 24 agosto. Immigrati della #Diciotti in sciopero della fame? Facciano come credono. In Italia vivono 5 milioni di persone in POVERTÀ assoluta (1,2 milioni di BAMBINI) che lo sciopero della fame lo fanno tutti i giorni, nel silenzio di buonisti, giornalisti e compagni vari. #primagliitaliani.

    

Don Massimo Bacialani, 28 agostoTempi duri per il prete che ama circondarsi di clandestini africani, ancora un po’ e la canonica scoppiava... (A commento, accompagnato da una foto tendenziosa, della notizia della chiusura del centro che ospitava 12 richiedenti asilo a Vicofaro, in provincia di Pistoia e gestito da Don Bacialiani, “colpevole” di aver condiviso su Facebook alcune mesi prima una foto di alcuni richiedenti asilo che facevano il bagno in piscina).

     

Chef Rubio, 28 agostoQuesto “chef democratico” offende da tempo me e milioni di italiani, che per lui sono pecore e razzisti... Al paladino dei clandestini (e della Boldrini) mando un bacione: mangia che ti passa. (A commento di un tweet di Chef Rubio).

 

 

Michele Riondino, 29 agostoIl “padrino” della Mostra del Cinema di Venezia, tal Michele Riondino qui in compagnia della tranquilla Asia Argento, si dichiara “contento di non incontrare Salvini”. Invece lo incontrerei volentieri, sono curioso e testardo, nella speranza di riportarlo su retta via... (A commento di una foto dell’attore con Asia Argento).

    

Spike Lee, 1 settembre“Salvini, Trump e Putin sono pericolosi, meglio stargli alla larga...” Più soldi hanno, più sono arroganti: ma il signor Spike Lee non ha altro di cui occuparsi che non di me? (A commento di un articolo dal titolo: “Spike Lee: con uno come Salvini non prenderei mai un bicchiere di vino né ci andrei allo stadio a vedere la Juve, di cui sono tifoso”).

   

Emmanuel Macron, 4 settembreEcco perché Macron passa il tempo ad attaccare me e il governo! (A commento della notizia: “Emmanuel Macron crolla nei sondaggi e perde un altro ministro. Atteso il rimpasto di governo”)

  

Persone in fila da Starbucks, 8 settembre. Due ore di coda per un caffè da Starbucks? Ma nemmeno se mi pagano! Non ho parole... (A commento alla notizia dell’apertura della caffetteria a Milano da parte della multinazionale americana)

    

Magistratura Democratica, 9 settembre. “Magistratura Democratica” sposa campagna pro-immigrazione con: Potere al Popolo, ONG, Cgil, Arci, Rif. Comunista e coop varie (compresa “Baobab Experience” dove si erano rifugiati gli sbarcati della #Diciotti). Poi quello accusato di ledere l’autonomia dei magistrati sono io... (A commento dell’adesione di MD ad un appello pubblico: “Per un’Europa che accoglie”).

    

Pif, 17 settembreSecondo l’amico del Pd io sarei “RAZZISTA” perché dico “campo Rom”: dovrei dire solo “campo”. E rimpiange quel genio di Alfano... (A commento della dichiarazione di Pif: “La legalità razzista di Salvini è fuffa”.

      

Elsa Fornero, 21 settembreDopo tutte le ingiustizie e le sofferenze causate dalla sua pessima legge e dopo aver rovinato migliaia di famiglie italiane, ha ancora il coraggio di parlare? (A commento della dichiarazione di Elsa Fornero: “Sono contenta, soddisfatta, di come io sono riuscita a mantenere un mio equilibrio interiore nonostante questa cinica personalizzazione che è stata fatta di una legge e che certo la dice lunga sul livello culturale e civile del Pese. E questo ha molti responsabili: in primo luogo il responsabile principale è Matteo Salvini”).   

    

Judith Sunderland, 26 settembreSecondo la direttrice della Ong HRW (Osservatorio per i diritti umani) per l’Europa e l’Asia centrale, la signora Judith Sunderland, avrei un approccio DISUMANO. Secondo me, invece, a essere disumani sono gli scafisti. Gli insulti dei buonisti di sinistra sono tutte medaglie!

      

Buonisti, 2 ottobre. Accidenti, chissà cosa diranno adesso Saviano e tutti i buonisti che vorrebbero riempire l’Italia di immigrati! #Riace. (A commento della notizia dell’apertura di un indagine su Mimmo Lucano sindaco di Riace).  

  

Pierre Moscovici, 3 ottobre#Moscovici parla a vanvera, in Italia non c’è nessun razzismo o xenofobia, ma finalmente un governo scelto dai cittadini che ha bloccato gli scafisti e chiuso i porti ai clandestini. Siamo STUFI degli insulti che arrivano da Parigi e Bruxelles. (A commento delle dichiarazioni del commissario europeo: “Italia ha scelto governo xenofobo, faremo rispettare regole”).

   

Jean-Claude Junker, 5 ottobreIncredibili e inaccettabili gli insulti e le minacce che ogni giorno arrivano da Bruxelles. Le uniche #macerie che dovrò raccogliere sono quelle del bel sogno europeo, distrutto da gente come #Juncker. (A commento di una foto con Salvini fiero e Junker corrucciato).

    

Saviano e Macron, 6 ottobre. Saviano promuove il suo libro andando a Parigi ad abbracciare Macron. Chi si somiglia si piglia. Speriamo solo che Emmanuel non ce lo rimandi indietro come fa con gli immigrati. Liberté, pubblicité, tieniloté... (A commento di un incontro tra lo scrittore e il presidente francese).

   

   

Tito Boeri, 11 ottobreDa italiano invito il dottor Boeri, che anche oggi difende la sua amata legge Fornero, a dimettersi dalla presidenza dell’Inps e a presentarsi alle prossime elezioni chiedendo il voto per mandare la gente in pensione a 80 anni. #StopFornero.   

  

Avvenire, 15 ottobreSecondo il quotidiano dei vescovi italiani, Salvini “renderebbe indemoniato anche un bove”, parola di Gesù... Ma a voi fa ridere? (A commento di una vignetta di Staino pubblicata dal quotidiano cattolico).

           

Reinlold Messner, 16 ottobreMessner mi ritiene addirittura “pericoloso”, senza neanche conoscermi? Gli ha dato fastidio l’eccezionale accoglienza che mi ha riservato la gente delle sue montagne? Pronto a incontrarlo e a spiegargli come intendo migliorare il nostro Paese. Prosit! (A commento di alcune dichiarazioni del noto alpinista).

     

Martin Schulz, 17 ottobreAncora “lezioni” dai falliti di Berlino? Non li ascoltano più neanche i tedeschi. (A commento di alcune dichiarazioni dell’esponente della Spd che aveva detto: “Mi fido zero di Salvini e Di Maio”).

     

Bono Vox, 18 ottobreAnche il miliardario #Bono mi attacca? Caspita, non ci sono limiti ormai! Peccato per lui che ignora, non sa e parla a vanvera, io continuo ad ascoltare le canzoni degli U2 e tiro dritto! (A commento di un video in cui il cantante degli U2, con una maschera da Joker, aveva detto ironicamente: “Consiglio Matteo Salvini).

     

Vytenis Andriukaitis, commissario europeo, 21 ottobreIl commissario Ue alla sicurezza alimentare, Andriukaitis, è scioccato per le mie opinioni su Bruxelles? Dovrebbe essere scioccato dalle schifezze che piombano sulle tavole degli italiani anche per le scelte dell’Europa. Europa che permette l’arrivo di insetti, olio tunisino e riso asiatico, carne e pesce di qualità scadente, materie prime trattate con pesticidi e sostanze nocive. (Il commissario europeo aveva dichiarato a Cernobbio: “Ho avuto la sensazione di essere stato insultato, visto che Salvini ha puntato il dito contro Bruxelles affermando che è nemica dell’Italia”).

     

Gianluigi Donnarumma e Rino Gattuso, 21 ottobre#Derby perso dalla coppia #Donnarumma-Gattuso. Quando non giochi per vincere, hai già perso. Giusto così. #InterMilan.

   

(1 - continua)

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Carlo A. Rossi

    11 Marzo 2019 - 17:05

    Scusate, forse io sono un rintronato minus habens (come ovviamente sono tutti coloro che non si fanno esorcizzare solo perché non pensano che Salvini sia il demonio), ma una cosa mi sfugge: posto che non capisco neppur io come si possa essere così dipendenti da social network come Salvini, però a me sembra che i suoi interventi si possano al limite derubricare come parole in libertà, ma nemmeno delle peggiori. A me sembrano onestamente di basso livello gli insulti che si becca anche da chi non lo conosce neppure. Io non perderei tempo a rispondere, ma siamo sinceri: per quanto a me nemmeno piaccia, mi sembra che i suoi avversari non siano da meglio, suvvia. Gli insulti di, per dirne una, Asia Argento, cosa portano alla discussione? Ma vi rendete conto che sul Foglio siete adesso per Salvini quello che era il Fatto Quotidiano per Berlusconi? Non vi piacciono le sue "politiche"? Giustissimo. Ma il resto sono argomenti puerili.

    Report

    Rispondi

  • ziobarby

    11 Marzo 2019 - 14:02

    Per mandare a casa il TRUCE una volta per sempre basterebbe che il 50% degli italiani che ne sono schifati facessero, come sto facendo io, lo sciopero degli acquisti di prodotti delle regioni leghiste. A cominciare da vini, mele, vacanze ecc.. Visto il forte calo di Pil, esportazioni, produzione, ecc., non escludo che molti cittadini del mondo facciano altrettanto, dopo aver scoperto la caduta del mito " italiani brava gente", impeccabilmente dimostrata dal salvinismo socialmediatico. Voglio vedere cosa faranno gli elettori di queste regioni alle prossime elezioni!!.

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      11 Marzo 2019 - 17:05

      Signore, perdona loro perchè non sanno quello che dicono.

      Report

      Rispondi

  • Gianpiero

    11 Marzo 2019 - 12:12

    Berlusconi, che dice di ritenere questo governo, con Salvini ministro e vicepremier, come il peggiore della storia della Repubblica e, subito dopo, auspica un governo con Salvini premier, la dice tutta sul livello di credibilità suo e di chi continua a seguirlo, Cito ancora ciò che dice ora uno che era il suo più fedele seguace: “Berlusconi porterà per sempre la responsabilità della rottura del patto sulle riforme costituzionali e il rifiuto di votare a favore di Mattarella. Questo tragico errore, insieme all’alleanza con Salvini, ha prodotto la nascita di una nuova destra in Italia. In questo modo il fondatore di Mediaset ha dato l’ultima picconata all’esistenza di una destra liberale anche in Italia. Il bilancio della Sua opera politica, nonostante tutto, sarebbe potuto essere positivo invece sarà fallimentare sotto ogni punto di vista. Sandro Bondi”

    Report

    Rispondi

Servizi