Ecco il manifesto di Calenda per le elezioni europee

David Allegranti

Si chiama “Manifesto per la costruzione di una lista unitaria delle forze europeiste”. Il Foglio lo ha letto in anteprima

Roma. Si chiama “Manifesto per la costruzione di una lista unitaria delle forze europeiste”. E’ l’appello che Carlo Calenda sta facendo girare da alcuni giorni (sarebbe dovuto uscire mercoledì), firmato da alcune personalità politiche e non politiche, in vista delle elezioni europee di maggio. L’obiettivo è costruire una lista per le europee con i partiti e i loro simboli (fino a poco tempo fa, invece, Calenda ne proponeva l’annullamento). Il Foglio lo ha trovato e lo ha letto (foto sotto). Eccolo: “Il destino dell’Europa è il destino dell’Italia. L’Italia è un paese fondatore dell’Unione Europea, protagonista dell’evoluzione di questo progetto nell’arco di più di 60 anni. E protagonisti dobbiamo rimanere fino al conseguimento degli Stati Uniti d’Europa, per quanto distante questo traguardo possa oggi apparire. Il nostro ruolo nel mondo, la nostra sicurezza - economica e politica - dipendono dall’esito di questo processo”, si legge nel testo.

 

 

  

Certo è che l’Unione da sola non può reggere, va difesa. Molte sono le pressioni, politiche ed economiche, che l’Ue sta subendo. Una crisi politica è in corso, dice il manifesto promosso dall’ex ministro dello Sviluppo Economico. “Per la prima volta dal dopoguerra esiste il rischio concreto di un’involuzione civile e democratica nel cuore dell’Occidente, la cui diretta conseguenza è il rafforzamento dei sistemi autoritari che sembrano assicurare maggiore protezione e capacità di risposta alle paure dei cittadini. La battaglia per la democrazia è iniziata, si giocherà in Europa, e gli esiti non sono affatto scontati”. La reazione dei paesi europei e dunque dell’Unione a tale crisi “è stata debole e tardiva. Gli Stati membri hanno rinunciato a costruire istituzioni forti e politiche sociali e di sicurezza comuni, utilizzando gli organismi comunitari come stanze di compensazione degli interessi nazionali”. Una reazione è stata “meno Europa”, ma “nascondere l’Europa sotto il tappeto non ha funzionato.

 

 

Oggi dunque non si tratta di preservare l’Europa che c’è, ma di rifondarla per riaffermare i valori dell’umanesimo liberale e sociale in un mondo profondamente diverso rispetto a quello che abbiamo vissuto negli ultimi trent’anni”. A questo dunque serve una lista unitaria. A combattere “l’internazionale sovranista e i governi che perseguono modelli di democrazia illiberale”. Per questo “è necessario che si costruisca alle prossime elezioni europee una lista unitaria delle forze civiche e politiche che si riconoscono nelle grandi famiglie politiche europee. La sfida sarà vinta solo se i promotori di questo fronte sapranno coinvolgere la maggioranza relativa dei cittadini italiani, mobilitando la società civile, le associazioni, le liste civiche, il mondo del lavoro, della produzione, delle professioni, della cultura e della scienza e aprendo le liste elettorali anche a loro qualificati rappresentanti”. 

 

Calenda, parlando con il Foglio a ottobre, aveva detto che l’obiettivo era “presentarsi alle Europee con un fronte ampio, nel quale il Pd non deve presentarsi con il suo simbolo ma sostenerlo”. La rinuncia al simbolo aveva scatenato reazioni piuttosto negative e oggi nell’appello quell’indicazione non c’è. Anzi: “Non si chiede ai movimenti che vorranno partecipare alla costruzione di questo fronte di scomparire o di sciogliersi, ma di partecipare a uno sforzo più ampio. Non si chiede di nascondere identità o simboli che sono stati costruiti con fatica e impegno, ma di schierarli dietro una bandiera che possa rappresentare chi ha perso fiducia nei confronti delle singole sigle politiche ma non nel progetto europeo”. Il modello dunque sembra essere quello di Uniti nell’Ulivo, la lista elettorale formata per le europee del 2004 da Ds, Margherita, Sdi e Mre. A capo c’era Romano Prodi. 

Di più su questi argomenti:
  • David Allegranti
  • David Allegranti, fiorentino, 1984. Al Foglio si occupa di politica. In redazione dal 2016. È diventato giornalista professionista al Corriere Fiorentino. Ha scritto per Vanity Fair e per Panorama. Ha lavorato in tv, a Gazebo (RaiTre) e La Gabbia (La7). Ha scritto cinque libri: Matteo Renzi, il rottamatore del Pd (2011, Vallecchi), The Boy (2014, Marsilio), Siena Brucia (2015, Laterza), Matteo Le Pen (2016, Fandango), Come si diventa leghisti (2019, Utet). Interista. Premio Ghinetti giovani 2012. Nel 2020 ha vinto il premio Biagio Agnes categoria Under 40. Su Twitter è @davidallegranti.