cerca

Buona notizia: nasce il partito di Calenda

La prima e forse ultima manovra del cambiamento ha certificato l’esistenza di un grande spazio politico alternativo al governo e all’opposizione. Le giuste ragioni della scelta dell’ex ministro, i sondaggi e l’urgenza di un’offerta sul modello Uber

13 Dicembre 2018 alle 06:03

Buona notizia: nasce il partito di Calenda

Foto Imagoeconomica

A prescindere da quale sarà il destino della prima e forse ultima manovra del cambiamento c’è un dato politico importante da cui non si può più prescindere e che riguarda la certificazione di un problema legato non tanto alla natura della governo ma quanto alla natura dell’opposizione. I sondaggi più valorizzati dai giornali e dai talk-show sono quelli che settimanalmente indicano la crescita del consenso della Lega e il calo del consenso del Movimento 5 stelle. Ma ciò che spesso non viene notato dai committenti dei sondaggi è che accanto ai numeri da urlo registrati dalla coppia di governo ce ne sono altri che indicano una verità che merita di essere messa a fuoco: l’esistenza di un grande spazio politico alternativo a quello di governo che al momento nessun partito all’opposizione riesce a soddisfare.

 

Martedì scorso, durante “Porta a Porta”, Alessandra Ghisleri ha registrato un consenso per la Lega pari al 33,9 per cento e un consenso per il M5s pari al 24,6 per cento. Ma nello stesso sondaggio ha riportato alcuni dati interessanti che riguardano il sentimento coltivato dagli italiani rispetto alla propria valutazione della manovra. E se da un lato il 58,5 per cento si dice pronto a votare per uno dei due partiti di governo, dall’altro lato lo stesso sondaggio dice che il 54,8 crede sia opportuno che il governo antieuropeista accetti le richieste dell’Unione europea sulla manovra: ridurre il debito. E se provate a miscelare questo sondaggio con altri due, diffusi nelle ultime settimane dall’Eurobarometro – secondo cui gli italiani a favore dell’euro sono aumentati del 12 per cento rispetto al 2017, arrivando a quota 57 per cento, e gli italiani a favore dell’appartenenza dell’Unione europea sono aumentati del 15 per cento, arrivando a quota 64 per cento – capirete che la forza degli azionisti di governo non è legata solo alla forza del proprio progetto ma prima di tutto all’assenza plastica di un credibile progetto alternativo. Il percorso della manovra – e in parte anche le varie forme di dissenso messe in campo nelle ultime settimane dal partito del pil, compresa anche la splendida manifestazione di oggi a Milano degli artigiani – ci ricorda dunque che la vera partita politica da seguire nei prossimi mesi non è legata tanto alle primarie del Pd o alle convulsioni di Forza Italia, ma è legata a una competizione del tutto particolare che riguarda una domanda politica che nessuno in Italia sembra essere in grado di intercettare: l’opposizione a questo governo e a questa opposizione.

 

Non si sa chi riuscirà a occupare con successo questo spazio politico ma a oggi, a quanto risulta al Foglio, si sa che il primo politico di peso che nelle prossime ore annuncerà il suo passo in avanti per la costruzione di un soggetto alternativo tanto al governo quanto all’opposizione non è Matteo Renzi, che dovrebbe comunque testare un partito satellite al Pd in vista delle Europee, ma è Carlo Calenda.

 

Qualche giorno fa, alcuni imprenditori amici e sostenitori di Calenda hanno commissionato un sondaggio per testare la popolarità dell’ex ministro e il risultato di quel sondaggio ha spinto Calenda a rompere gli indugi e a pianificare un percorso fatto di tre tappe: creazione di un nuovo contenitore a gennaio per dare la possibilità a tutti gli altri soggetti europeisti (compreso il partito di Emma Bonino) di federarsi all’interno di un’unica struttura, campagna elettorale super antisovranista, disponibilità in vista del voto del 26 maggio a trasformare il fronte repubblicano in una sorta di lista dell’europeismo sul primo modello Ulivo. Difficile dire se il progetto Calenda valga davvero, come sostengono alcuni sondaggisti, una percentuale tra l’otto e il dieci per cento. Difficile dire se la discesa in campo dell’ex ministro sia sufficiente per dare una casa politica a quel gran pezzo dell’elettorato italiano che pur essendo europeista, in mancanza di alternative credibili ai soggetti antieuropeisti, è disposto a votare per il meno peggio dei partiti antieuropeisti con la speranza che una volta arrivati al governo gli antieuropeisti in maglietta verde possano dare prova di buon senso. Più facile dire che – di fronte agli scricchiolii del governo, di fronte a una manovra senza senso, di fronte a un paese che ha perso credibilità, di fronte a una possibile recessione che porterà Salvini e Di Maio a fare i conti con la realtà prima e non dopo le elezioni europee – avere alternative complementari e non sostitutive rispetto a quelle che esistono già oggi è un passo non sufficiente ma necessario per mettere in pista un’opposizione sul modello Uber, capace cioè di rispondere a una domanda che nessuno riesce a soddisfare non distruggendo le alternative che ci sono già, ma semplicemente provando a fargli concorrenza. Le idee ci sono, lo spazio c’è. E se quello che ha detto qualche giorno fa Matteo Salvini a un amico romano è vero – vi racconteremo domani – conviene sbrigarsi: il tempo per testare alle elezioni un’alternativa potrebbe essere più rapido di quello che si crede. Tic tac.

Claudio Cerasa

Claudio Cerasa

Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • vinci61

    18 Gennaio 2019 - 14:02

    L'unico che combatte. Gli altri sembrano dei fantasmi. Ben venga un fronte comune contro questi azzeccagarbugli,incompetenti e anche pericolosi. Bisogna avere il coraggio di contrastarli in ogni trasmissione televisiva, di chiedere il confronto di far emergere tutte le loro inconsistenti tesi. Basta con monologhi senza contraddittorio. Soprattutto basta con queste liti eterne all'interno del partito che comunque, anche se non del mio schieramento politico, ha sempre prodotto una buona classe dirigente e non , come si dice a Napoli " scumm e fasul". Schiuma di fagioli.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    13 Dicembre 2018 - 20:08

    From Rep.it “Sui profili Facebook e Twitter di Salvini e dei Cinquestell,e esplode la protesta dei Social per la retromarcia del governo gialloverde. E molti minacciano: "Non vi voto più". Dio lo volesse, una bella ripulitura culturale, non guasterebbe. Anzi. Non rimarrebbero neppure, i baldi contestatori, privi di riferimenti politici: Potere al Popolo, li aspetta a braccia aperte.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    13 Dicembre 2018 - 16:04

    Caro Claudio - Non ce ne rendiamo conto, l'ubriacatura è collettiva, cattolica, ma quando per conquistare consensi, i "desideri" vengono elevati al rango di "diritti", mala tempora erunt.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    13 Dicembre 2018 - 16:04

    Al direttore - È il must italico: dividersi, frammentarsi, a ciascuno il suo orticello, a ciascuno il suo spazio per ottenere consensi. Il nodo, non solo nostrano è che, inutile girarci intorno con ideali e aulici proponimenti, tutto si riduce, prosaicamente, ad apparire agli occhi e alle pulsioni delle masse, il più allettante per garantire loro "panem et circences". Calenda ha il look adatto?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi