cerca

Il server lo mette Casaleggio, ma la linea la detta la Cgil

Perché dall’art. 18 all’Ilva allo “staff leasing” comanda la conservazione sindacale

29 Giugno 2018 alle 06:13

Il server lo mette Casaleggio, ma la linea la detta la Cgil

Foto LaPresse

Il server lo mette Casaleggio, la linea la detta Putin, le alleanze le suggerisce Orban, i vaccini li cura Salvini, ai congiuntivi ci bada Di Maio, al tasso alcolico ci pensa Grillo, per i complotti c’è la delega del Codacons, del buon senso se ne occupa Tria, agli affari ci pensa Lanzalone, alle nomine ci pensa Bugani, sulla luna vigilia Sibilia, sulla giustizia veglia Davigo, allo spread ci pensa Bagnai, del garantismo se ne occupa Travaglio, ai testi, a quanto pare, ci pensa la Cgil. Sono passati trenta giorni dall’incarico che Sergio Mattarella ha affidato all’elegante algoritmo scelto da Salvini e Di Maio per guidare il paese e in questi trenta giorni, tra incertezze, problemi, incoerenze, pasticci, carnevalate e diversi miliardi di capitali fuggiti dall’incredibile Italia gialloverde, c’è una costante che finora non ha mai abbandonato il governo guidato da Giuseppe Conte: la profonda, sincera, radicata e convinta sintonia con un mondo che in teoria dovrebbe essere schierato gagliardamente contro un esecutivo che sogna di superare per sempre i corpi intermedi del nostro paese.

 

Avete capito di cosa stiamo parlando. Stiamo parlando dei “testi”. Stiamo parlando della Cgil. Forse ci avrete fatto caso anche voi. Lega e Movimento 5 stelle decidono di eliminare la chiamata diretta dei docenti nelle scuole secondarie e la Cgil che cosa fa? Ovviamente esulta. Lega e Movimento 5 stelle decidono di dichiarare guerra alla legge Fornero e la Cgil che cosa fa? Ovviamente esulta. Lega e Movimento 5 stelle decidono di dichiarare guerra al Jobs Act e la Cgil che cosa fa? Lega e Movimento 5 stelle promettono di reintrodurre l’articolo 18 – cosa che il M5s ha già ottenuto a Roma con l’accordo integrativo sottoscritto da Acea con i sindacati – e la Cgil che cosa fa? Ovviamente esulta. Lega e Movimento 5 stelle dicono che sul caso Ilva non “faranno atti unilaterali” e che “qualsiasi decisione sarà presa insieme alle parti sociali” e la Cgil che cosa fa? Ovviamente esulta. Lega e Movimento 5 stelle promettono di puntare forte sulle leggi di iniziativa popolare e la Cgil che cosa fa? Ovviamente esulta. E ancora. Lega e Movimento 5 stelle decidono di dichiarare guerra alla delocalizzazioni e la Cgil che cosa fa? Ovviamente esulta. Lega e Movimento 5 stelle lasciano intendere che per il reddito di cittadinanza il governo seguirà un modello di applicazione non troppo diverso da quello suggerito anni fa dalla Cgil per i lavori socialmente utili e la Cgil che cosa fa? Ovviamente esulta. E infine Lega e Movimento 5 stelle promettono di rivedere la riforma Poletti del 2014 eliminando il cosiddetto “staff leasing” e che cosa si scopre (lo ha scoperto il nostro amico Giuliano Cazzola, leggete il suo intervento a pagina quattro)? Che la norma con cui si abolisce lo staff leasing è copiata parola per parola dall’articolo 50 della Carta dei diritti universali dei lavoratori proposto proprio dalla Cgil.

 

Si potrebbe dire che in fondo c'è poco da essere sorpresi considerando (dati Fondazione Giuseppe Di Vittorio) che il 4 marzo circa il 33 per cento degli iscritti alla Cgil ha votato per il Movimento 5 stelle e circa l’11 per cento per la Lega e si potrebbe aggiungere che non tutto quello che farà questo governo (pensiamo alla flat tax, se mai si farà) si trova in perfetta armonia con il sindacato di Susanna Camusso.

 

Tutto giusto. Ma con un unico appunto.

 

La ragione per cui il governo gialloverde spaventa molte imprese, impensierisce diversi imprenditori, terrorizza i mercati e suscita scetticismo tra coloro che ogni giorno devono decidere se vale la pena investire o no nel nostro paese non ha a che fare solo con un possibile pregiudizio ideologico e con una valutazione negativa del contratto firmato da Di Maio e Salvini. C’è qualcosa di più che emerge di giorno in giorno. Qualcosa che c’entra con la possibilità che il governo del cambiamento sia usato come un cavallo di Troia utile a rimettere al centro del paese le corporazioni alleate della restaurazione. Di fronte a un governo nemico dei corpi intermedi, che sogna di affamare la democrazia rappresentativa a colpi di referendum, di modelli Rousseau, di sorteggi, di lotta contro i vitalizi, coloro che fanno parte dei corpi intermedi dovrebbero combattere con tutte le proprie forze per denunciare la pericolosità di una maggioranza figlia del maoismo digitale. Qualcuno lo farà. Qualcuno ci proverà. Qualcuno una ribellione la tenterà. Ma la verità è che il principale sindacato del nostro paese non può permettersi di essere intollerante con gli intolleranti di governo perché il governo che non parla di produttività, di contrattazione aziendale, di avanzamento del piano Industria 4.0, di attrazione di investimenti e di capitali finanziari non è nemico dei sindacati ma è in realtà il governo della sottomissione sindacale. La Cgil esulta, l’Italia forse un po’ meno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    29 Giugno 2018 - 19:07

    Al direttore – Un bravo a Giuliano Cazzola e al Foglio. Ma non si scappa: per fare il vero bene comune del Paese sarebbe necessario un prologo di lacrime e sangue. Una condivisa rivisitazione del modello di società che ci siamo costruiti negli ultimi settanta anni. Modello sindacal/collettivista in cui lo Stato, cioè il controllo e la gestione delle risorse pubbliche, cedesse il posto al concetto e al modello di “sussidiarietà”. Ma finché i “diritti” non saranno uniti ai “doveri”, non ne usciremo mai. La riprova la trovi nel tenace, conflittuale, atteggiamento in atto, vedi anche i vitalizi, che caratterizza ogni disputa e controversia sociale. Onestà intellettuale ammonisce: “La longevità del modello sindacal/collettivista si spiega solo col fatto, che di riffa o di raffa, tutti ci potessero trarre vantaggi”

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    29 Giugno 2018 - 15:03

    Non ho tessere di partito, non sono iscritto al sindacato, ma per molte delle intenzioni del governo elencate nell'articolo esulto anch'io, soprattutto per quanto riguarda la legge Fornero.

    Report

    Rispondi

Servizi