cerca

Inizia la demolizione del Ponte Morandi. Ecco come funziona

Venerdì mattina il premier Conte sarà a Genova per la cerimonia del taglio del primo moncone ovest. Così verrà abbattuto il viadotto Polcevera

Email:

cicchetti@ilfoglio.it

7 Febbraio 2019 alle 18:52

Loading the player...

A quattro mesi dal crollo del Ponte Morandi, nel quale sono rimaste uccise 43 persone, sono iniziati i lavori di demolizione di ciò che resta del viadotto. Il sindaco e commissario per la ricostruzione Marco Bucci il 17 dicembre scorso aveva deciso di affidare i lavori di ricostruzione a Fincantieri e Salini-Impregilo, che seguiranno il progetto di Renzo Piano per un costo di circa 200 milioni di euro. “Il ponte dovrà essere visibile, almeno per quanto riguarda gli impalcati, a fine 2019 e dovrà essere percorribile il 15 aprile del 2020”, ha annunciato oggi Bucci. Una data precisa: anche il viceministro alle Infrastrutture, il leghista Edoardo Rixi, oggi in commissione Ambiente alla Camera ha confermato che la nuova infrastruttura dovrà essere “collaudata e aperta al traffico” entro metà marzo. Penali salatissime, “fino a 202mila euro al giorno per ritardo nell'esecuzione, faranno sicuramente da deterrente agli allungamenti dei tempi”, ha specificato. E domani a Genova ci sarà anche il premier Conte per assistere alla cerimonia del taglio del primo moncone ovest del ponte.

  

Dal crollo del Ponte Morandi al decreto Genova

Giorno dopo giorno ecco tutte le tappe in una timeline della tragedia del Viadotto Polcevera crollato il 14 agosto 2018

   

Come verrà abbattuto il Ponte Morandi?

L'abbattimento, iniziato a dicembre, degli edifici sottostanti il viadotto Polcevera, ha segnato l’inizio dei lavori. Sono stati demoliti due edifici all’interno dell’area di proprietà dell’Amiu, la municipalizzata dei rifiuti del capoluogo ligure (l’Ecolegno e la Fabbrica del riciclo). Una volta terminate le procedure preliminari si procede con l’abbattimento dei due tronconi, quello di ponente e quello di levante.

    

Il Commissario per la ricostruzione ha pubblicato due video che illustrano come verrà svolta la procedura. Il lavoro sarà svolto dalle cinque imprese vincitrici dell’indagine di mercato: Fagioli Spa, Fratelli Omini Spa, Vernazza Autogru Srl, Ipe Progetti Srl e Ireos Spa. I lavori iniziano dalla parte ovest, già dissequestrata dalla procura, che potrà essere smantellata pezzo a pezzo senza usare esplosivi. Si tratta di un’operazione ingegneristica complessa: le sezioni del viadotto saranno calate al suolo con torri mobili, cavi d’acciaio e strand jack: imponenti martinetti in grado di sollevare tonnellate di peso. Nel troncone di levante invece è previsto l’utilizzo di microcariche esplosive, solo nella fase finale dei lavori. Un'operazione complicata e che richiede anche la bonifica in sicurezza dell'amianto presente nell'area.

Enrico Cicchetti

Nato a Mantova in un afoso settembre del 1987, cerca refrigerio dalle parti di Roma. Al Foglio dal 2016, si occupa del sito, di video e di infografiche. Su Twitter è @e_cicchetti

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi