cerca

Dal crollo del Ponte Morandi al decreto Genova

Giorno dopo giorno ecco tutte le tappe in una timeline della tragedia del Viadotto Polcevera crollato il 14 agosto 2018

14 Settembre 2018 alle 11:33

Dal crollo del Ponte Morandi al decreto Genova

Foto LaPresse

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • eleonid

    14 Settembre 2018 - 14:02

    Il crollo del ponte si può considerare una tragedia annunciata ,da quando la politica ha iniziato ad occuparsi di esso con l'interrogazione parlamentare sulla criticità del ponte e sulla necessità di realizzare la Gronda .Ora si immoleranno a vendetta della tragedia qualche consulente tecnico e qualche funzionario del gestore che avevano sicuramente preso coscienza delle cattive condizioni del ponte ma non credo che avessero la convinzione della loro gravità tanto da ipotizzare un suo crolllo. È quindi la politica di ogni colore e grado che ha le prime responsabilità sulla vicenda . Quella politica fatta da politicanti arruffoni che indossano i panni di grandi profeti,strateghi, specialisti e arroganti condottieri di un popolo oggi rappresentato da ignoranti creduloni, nonostante la Repubblica di sia adoperata ad acculturarli dal dopoguerra ad oggi.

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    14 Settembre 2018 - 14:02

    Il crollo del ponte si può considerare una tragedia annunciata ,da quando la politica ha iniziato ad occuparsi di esso con l'interrogazione parlamentare sulla criticità del ponte e sulla necessità di realizzare la Gronda .Ora si immoleranno a vendetta della tragedia qualche consulente tecnico e qualche funzionario del gestore che avevano sicuramente preso coscienza delle cattive condizioni del ponte ma non credo che avessero la convinzione della loro gravità tanto da ipotizzare un suo crolllo. È quindi la politica di ogni colore e grado che ha le prime responsabilità sulla vicenda . Quella politica fatta da politicanti arruffoni che indossano i panni di grandi profeti,strateghi, specialisti e arroganti condottieri di un popolo oggi rappresentato da ignoranti creduloni, nonostante la Repubblica di sia adoperata ad acculturarli dal dopoguerra ad oggi.

    Report

    Rispondi

Servizi