Copio @lucasofri per non dire cazzate in proprio

Il direttore del Post parla (bene) di informazione, lettori, problemi veri e questioni mal poste

14 Marzo 2018 alle 06:00

Copio @lucasofri per non dire cazzate in proprio

Foto del Kheel Center via Flickr

Le fake news sono un grave problema dell’informazione. Ma anche copiare gli articoli degli altri, diciamolo, è brutto. Però, a non essere stupidi, è meglio copiare un articolo intelligente che scrivere cazzate in proprio. Così avrei voglia di copiare tutto il testo che @lucasofri ha scritto sul suo blog Wittgenstein sul Post col titolo “A cosa servi”. Non potendo farlo, per spazio e deontologia, invito a leggerlo. Parla di informazione, lettori, problemi veri e questioni mal poste. Cito l’inizio: “La ricca categoria ‘indignazione contro i giornali e i giornalisti’ è da una parte una porzione della grande categoria contemporanea ‘indignazione conformista contro tutto per affermare se stessi ed esistere’ ma dall’altra ha pure dei solidi e quotidiani argomenti”. Si spiega che i giornalisti solitamente non sparano balle perché sono dei servi venduti, ma perché lavorano male e le loro testate ritengono che vada bene così. E’ una questione di qualità, mercato, verifica del proprio lavoro e di quel che si legge. La fine: “Quando cominceremo, da lettori, a mettere in discussione le informazioni che riceviamo perché false, e non perché ‘serve’ a prescindere dal ‘gioco che fanno’ secondo la nostra ingenua supponente lettura, magari avremo un ruolo in tutto questo: al momento creiamo la domanda”. Aggiungerei solo una domanda: non è che il vero problema dell’informazione, e della democrazia, è la qualità scadente (eufemismo) dei cittadini lettori?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    14 Marzo 2018 - 09:09

    Sicuramente lo e'.

    Report

    Rispondi

Servizi