cerca

“La crisi dell’Europa figlia del caos da scristianizzazione”. Parla Olivier Roy

“Non è solo la fede, è la cultura cristiana che sta svanendo”

4 Ottobre 2019 alle 06:10

“La crisi dell’Europa figlia del caos da scristianizzazione”. Parla Olivier Roy

Una basilica nel sud della Francia (foto di Dennis Jarvis via Flickr)

Roma. “La secolarizzazione ha lasciato il posto a una profonda scristianizzazione, dal 1968 l’Europa ha subìto un grande cambiamento antropologico”. Olivier Roy nel suo ultimo libro si è avventurato in una terra incognita, dopo anni di libri di successo sull’islam. La terra è quella desolata dell’Europa post cristiana. “La ‘scristianizzazione’ è antica in Francia, recente in Irlanda e appena iniziata in Polonia, dove la partecipazione alla messa rimane forte ma c’è un calo nei seminari”. Così parla al Foglio Roy,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giulio Meotti

Giulio Meotti

Lavora al Foglio dal 2003. Si è laureato in Filosofia. Ha scritto per il Wall Street Journal. È autore di quattro libri su Israele, alcuni tradotti in più lingue. È sposato. Ha due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ayler

    06 Ottobre 2019 - 14:02

    Allora c'è speranza!

    Report

    Rispondi

  • joepelikan

    06 Ottobre 2019 - 12:12

    L'Europa sopravvivere? Ma l'Europa è già un cadavere. Se solo ci si sturasse il naso (e il cervello) il puzzo sarebbe insopportabile.

    Report

    Rispondi

  • cesare battisti

    04 Ottobre 2019 - 20:08

    Perché fissare nel'68 la data di inizio di un processo molto più antico che comincia forse col Cristianesimo stesso? Con l'umanesimo poi e, sicuramente, con l'illuminismo. Stiamo dando troppa importanza ad avvenimenti (il '68) che in realtà sono molto poccoli in confronto alla morte prossima di una civiltà. Si cerchi invece nelle stesse contraddizioni che hanno dilaniato la chiesa nei secoli, nella politica delle assoluzioni, nella divisione del potere tra temporale e spirituale (al tempo stesso motore del progresso occidentale e causa del disinteresse del mondo laico per Dio).

    Report

    Rispondi

Servizi