Il campionato è lungo

Piero Vietti

“Il distanziamento sociale è il nostro farmaco, e funziona. Gli inglesi rischiano”. Parla il prof. Vella

Roma. “Il campionato è lungo. Non è questo il momento di farci abbattere da risultati negativi, come i contagi che potrebbero crescere nei prossimi giorni, né, tantomeno, illuderci perché qualche numero che cala potrebbe far guardare al futuro con un po’ più di ottimismo”. Il prof. Stefano Vella (Università Cattolica), confessa di trovare “molto pericolosa, anche inumana, perché prevede l’inevitabile decesso di tanti pazienti, l’idea inglese di abbattere il coronavirus con una ‘immunità di gregge’ raggiunta lasciando che una larga fetta della popolazione si infetti: non sanno cosa li aspetta, ancora non hanno avuto la curva esponenziale delle infezioni e non pensano al probabile disastro del loro sistema sanitario, che già a novembre aveva i reparti chiusi a causa dall’influenza. L’immunità di gregge si raggiunge grazie ai vaccini, non grazie a contagi di massa. Tra l’altro, non sappiamo ancora se attraverso l’infezione naturale da coronavirus si avrà davvero una immunità protettiva duratura”. In Italia intanto si continua con il distanziamento sociale: “E’ attualmente il nostro ‘farmaco’, e funzionerà. Questo esperimento epidemiologico (e anche sociale) deve andare avanti almeno fino al 3 aprile, è l’unico modo per abbassare il numero delle nuove infezioni e allentare la pressione sugli ospedali. Per fermare il virus definitamente ci vorranno farmaci e un vaccino. Arriveranno. Per ora, dobbiamo far diventare sostenibile l’epidemia, ricordando che quello che stiamo facendo è per i medici e gli infermieri, per i pazienti e per tutti noi”.

Di più su questi argomenti:
  • Piero Vietti
  • Torinese, è al Foglio dal 2007. Prima di inventarsi e curare l’inserto settimanale sportivo ha scritto (e ancora scrive) un po’ di tutto e ha seguito lo sviluppo digitale del giornale. Parafrasando José Mourinho, pensa che chi sa solo di sport non sa niente di sport. Sposato, ha tre figli. Non ha scritto nemmeno un libro.