cerca

Antonio Socci è il mio apocalittico di fiducia

Leggendolo in questo momento particolare condivido la sua opinione di Papa Francesco: più che l'Anticristo è un povero untorello

26 Febbraio 2020 alle 06:00

Antonio Socci è il mio apocalittico di fiducia

(foto LaPresse)

Antonio Socci è il mio apocalittico di fiducia. E questo, fra Peste e Ceneri, è proprio il momento di leggerlo. Lui sul tema è preparatissimo, mica come me che mi sono perso fra profumi e balocchi, bottiglie e tabarri, e un libro apologetico non saprei più scriverlo. Nel suo ultimo “Il dio Mercato, la Chiesa e l’Anticristo” (Rizzoli) i più autorevoli autori che negli ultimi due secoli hanno parlato del falso Cristo ci sono tutti e specialmente Dostoevskij, Solovev, Robert Benson, Fulton Sheen, Paolo VI, Josef Pieper, Ivan Illich, il cardinale Biffi, Papa Ratzinger, Massimo Cacciari… Alla fine ecco una conclusione personale: “Si può sospettare papa Bergoglio di essere un anticristo? No, per molti motivi; oltretutto l’Anticristo biblico è una figura titanica e non mi pare proprio che sia il caso del Papa argentino, nonostante le sue velleità rivoluzionarie”. Non pare nemmeno a me: insistendo sul senzafrontierismo in tempi neomanzoniani di quarantena, Papa Bergoglio ci fa la figura non dell’Anticristo ma, Dio mi perdoni, del povero untorello.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • romamor

    26 Febbraio 2020 - 10:23

    Dalle "nostre" parti, quando si esagera, si usa dire che bisogna chiudere la cantina.

    Report

    Rispondi

Servizi