cerca

Salvini è il vero perdente di questa stagione politica

Non ha chiuso i porti, ma gli stanno chiudendo le porte in faccia. In Europa e anche qui

24 Luglio 2019 alle 06:11

Salvini è il vero perdente di questa stagione politica

Matteo Salvini a Bibbiano (foto LaPresse)

Il Truce è il perdente di questa stagione politica. Parlo della realtà, che sembra inafferrabile ma esiste, non del teatrino nazionalpopulista, ancora capace di garantirgli un primato di voti e sondaggi, tutta roba forte ma inidonea ad affermare un primato politico. Non ha chiuso i porti, perché non si possono chiudere. Non ha respinto gli scampati del mare, perché è impossibile. Non ha rimpatriato seicentomila immigrati, perché era una fanfaluca. Si è agitato molto, ha detto cose sconce, mostrato i...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    25 Luglio 2019 - 11:11

    A proposito dell’evoluzione di Mediaset, caro Giuliano, manco Andrea Marcenaro, principe dell’arguzia, ha notato che nei giorni scorsi Rete 4, già presidiata con sberleffi da Emilio Fede, ha ospitato per una buona mezz’ora in prima serata il redivivo on. Bersani che il giaguaro Berlusconi prometteva di smacchiarlo? Consentendogli in diretta di vantarsi che l’idea di un accordo di governo con i grillini, tornata di attualità, ha il timbro politico della sua primogenitura. Come la mettiamo, a sinistra, con il remoto conflitto di interessi del giaguaro, se manco l’ombra di un già forzaitaliota ha manco interloquito con il monologo del gia’ smacchiatore padrone se non despota di Rete 4? Il bello della diretta? Il bello dell’informazione libera? Il trionfo dell’audience? Boh...

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    25 Luglio 2019 - 10:10

    Caro Giuliano, per una volto posso almeno in parte non convivere la tua analisi? E sinceramente interrogarmi su cosa stia succedendo se mi viene a mancare persino il prezioso aiuto delle tue riflessioni per capirci qualcosa? Salvini sara’ pure il Truce, Di Maio il bibitaro, il gia’ amato Cav. un vecchietto ormai solo interessato a proteggere il suo legittimo tesoretto aziendale (con il talk show delle sue Tv che ospitano sempre in misura maggioritaria salviniani e pentastellati in costante assenza di interlocutori forzaitalioti). Ma che accade dentro il Pd già renziano? Forse mancano persino le parole per analizzare il caos, per non dire il nulla politico, in cui e’ sprofondato il partito che ci ha governato da Roma nell’ultima legislatura presidiando pure gran parte delle Regioni e delle amministrazioni periferiche? In ottica nuovo Foglio a direzione Cerasa non e’ per caso questa la madre di tutte le tragedie? E’ stato seppellito Il Cav.. e poi Renzi...il Truce, il bibitaro...E poi?

    Report

    Rispondi

    • Andrew

      25 Luglio 2019 - 23:11

      eh si, Giuliano è un puro e come tutti i puri, trovi sempre uno più puro di te che ti epura.

      Report

      Rispondi

  • cesare battisti

    24 Luglio 2019 - 22:10

    Abbiamo sotto gli occhi gli effetti del '68: politici e giornalisti senza cravatta e con la barba di tre giorni, diplomati col 6 politico e lauureati con tesi di gruppo, vogliono cambiare il sistema indossando una felpa, non conoscono, le leggi ne la storia ne la geografia. È il '68! L'inimmaginabile al potere.

    Report

    Rispondi

  • verypeoplista

    verypeoplista

    24 Luglio 2019 - 21:09

    LA CRECHE: Dramma in tre frasi Eduardo: Te piace u presepe francese cu Macron "o piccerillo" neonato con le 2 "nonne" franco-tedesche e i 26 pastori? - (Che tocca fa per i figli) Lucariello : Oui J'aime la Crèche !!!. (il figlio "intelligente") Eduardo : Ma v'allà e parla italiano, u saccio che nun te piace u presepe

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi