cerca

Così l’analisi sulla Tav smentisce dieci anni di ecologismo a cinque stelle

Le conclusioni del dossier curato dal professor Marco Ponti portano ad affermare che è sconveniente, per la collettività, qualsiasi progetto infrastrutturale che punta a trasferire il traffico dalla gomma alla rotaia

13 Febbraio 2019 alle 06:00

Così l’analisi sulla Tav smentisce dieci anni di ecologismo a cinque stelle

Danilo Toninelli (foto Imagoeconomica)

Roma. “E’ paradossale, ma è proprio così”, conferma Francesco Ramella, uno dei cinque tecnici che hanno lavorato all’analisi costi-benefici voluta dal ministro Toninelli. E il paradosso sta qui: nel fatto, cioè, che le conclusioni del dossier sulla Tav curato dal professor Marco Ponti portano ad affermare che è sconveniente, per la collettività, qualsiasi progetto infrastrutturale che punta a trasferire il traffico dalla gomma alla rotaia. Assurdo in senso assoluto. Ma ancora di più se a sventolare questo documento sono gli...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Valerio Valentini

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni

    13 Febbraio 2019 - 13:01

    E' stato creato da ricercatori italiani dopo anni di ricerche un vaccino capace di abbattere nel 90% dei casi il virus dell'AIDS. Il movimento (ormai movimentino) 5* ha immediatamente ordinato a degli ...esperti di valutarne attentamente i costi e i benefici.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    13 Febbraio 2019 - 09:09

    L’analisi costi benefici grillina l’avevano già fatta Geggino e il Dibba andando in auto a Strasburgo. Passando per la Svizzera devono per forza aver utilizzato il tunnel del Gottardo. C’è il costo del pedaggio, ma il beneficio è che puoi fare il karaoke senza disturbare altri passeggeri.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    13 Febbraio 2019 - 09:09

    La decrescita felice prevede il trionfo delle biciclette. Non si capisce pero’ se per far quadrare le tabelle di costi e benefici dovranno pagare i pedaggi autostradali pure quelle. Allo Stato s’intende, non a quei porci speculatori delle concessionarie.

    Report

    Rispondi

Servizi