cerca

L’Italia cresce solo se crescono i salari

Dopo i migranti, il lavoro. Come si risponde alla demagogia populista? Perché politici, imprenditori e sindacati hanno il dovere di lanciare una grande sfida al qualunquismo populista mettendo più soldi nelle tasche dei lavoratori. Idee

Claudio Cerasa

Email:

cerasa@ilfoglio.it

13 Giugno 2018 alle 06:04

L’Italia cresce solo se crescono i salari

Luigi Di Maio (foto LaPresse)

Succede oggi osservando il Matteo Salvini che gioca con l’immigrazione e succederà domani osservando il Luigi Di Maio che giocherà con il lavoro. Il punto, in fondo, è sempre lo stesso: cosa può fare un’opposizione critica ma costruttiva per combattere le idee pazze dei populisti senza essere sempre sulla difensiva ma provando a giocare ogni tanto una partita offensiva? I ministeri guidati dal leader della Lega e dal capo politico del Movimento 5 stelle saranno per forza di cose quelli in cui maturerà il numero maggiore di proposte finalizzate ad assecondare lo spericolato mandato conferito a Di Maio e a Salvini dai follower sovranisti. E nelle prossime settimane, lo stesso approccio muscolare messo in campo dal ministro dell’Interno negli ultimi giorni sul tema dei migranti con ogni probabilità verrà replicato dal ministro del Lavoro e dello Sviluppo (speriamo non sottosviluppo) nel momento in cui dovrà trovare un modo per rassicurare i suoi elettori sul tema dei temi: il reddito di cittadinanza. E quando il ministero di Luigi Di Maio muoverà i primi passi per riformare i centri per l’impiego, passaggio necessario per mettere in cantiere il reddito di cittadinanza, l’opposizione dovrà trovare un modo per spiegare l’impossibile: come trasformare in una battaglia popolare una battaglia altamente impopolare, come quella combattuta contro una riforma che nella narrazione populista altro non è che un aiuto universale a chi si trova in una condizione di povertà. Trovare una chiave non è semplice ma l’occasione della discussione futura del reddito di cittadinanza dovrebbe essere quella per costruire una grande campagna politica e culturale finalizzata a rimettere al centro dell’attenzione, anche del sindacato, un tema centrale: non il reddito di chi non lavora ma il salario di chi lavora. Lo ha detto bene Papa Francesco, esattamente un anno fa, quando, parlando di fronte ai lavoratori dell’Ilva di Cornigliano, ha ricordato che per una politica con la testa sulle spalle “l’obiettivo non è un reddito per tutti ma un lavoro per tutti, perché senza lavoro per tutti non ci sarà dignità per tutti”. E lo ha detto con coraggio qualche settimana fa persino la diocesi di Palermo che attraverso le parole di monsignor Corrado Lorefice ha ricordato – scandalo! – un tema che dovrebbe essere al centro di ogni battaglia combattuta contro i furbetti del sussidio: “Sul reddito di cittadinanza il problema è culturale e non sarà risolto se non promuovendo vigorosamente al Sud una cultura del lavoro che, nella maggior parte della popolazione, non esiste. Nel meridione sono in molti a cercare, più che un posto di lavoro, un posto di stipendio, dove si lavori il meno possibile”. Per smascherare la truffa grillina sul lavoro, e provare a contrapporre alla dannosa fuffa populista una utile controproposta popolare, è necessario dunque combattere una poderosa battaglia politica per dimostrare che il reddito di cittadinanza è il più grande alleato dello status quo perché non permette di concentrarsi sui due grandi temi che riguardano il futuro del lavoro del nostro paese: da una parte i salari che non salgono come dovrebbero e dall’altra parte le aziende che non producono lavoro come potrebbero.

 

I dati li conosciamo tutti. Il salario medio lordo in Italia è di 35.483 euro l’anno per ogni lavoratore single senza figli, tenendo conto sia delle tasse sul reddito, sia dei contributi sociali, ed è il diciannovesimo salario lordo più alto tra i 35 paesi Ocse. Su questo salario lordo la tassazione in Italia è del 31,1 per cento, di cui il 21,6 per cento è legata alla tassazione sul reddito, e il 9,5 per cento ai contributi sociali pagati dai lavoratori. Fino allo scorso anno, poi, le tasse e i contributi sociali ammontavano nel nostro paese al 47,7 per cento nel caso di un lavoratore single, contro la media Ocse del 35,9 per cento. Mentre per una famiglia di quattro persone, con un unico percettore del reddito, il cuneo fiscale è del 38,6 per cento, contro la media Ocse del 26,1 per cento. Sappiamo questo e sappiamo che a tenere bassa la crescita dei salari reali italiani negli ultimi vent’anni non è stata né l’incidenza fiscale e contributiva né tantomeno la partecipazione all’Unione monetaria – se dal 1996 a oggi i salari reali medi in Italia sono cresciuti solo del 6,3 per cento è anche perché nello stesso periodo la produttività del lavoro nel nostro paese è cresciuta appena del 5,8 per cento (34,2 Regno Unito,e 31,3 per cento Stati Uniti, 15,1 per cento Germania, 25,5 per cento Francia). Ma soprattutto sappiamo anche che oggi in Italia l’unico modo per costruire un’alleanza finalizzata a sostenere più il lavoro che l’assistenzialismo è un’alleanza che parte da qui: dal costruire una nuova stagione di civili lotte sociali per portare più soldi nelle tasche dei lavoratori.

 

Per farlo ci sono un’infinità di strategie che si possono adottare e un’infinità di controproposte che si possono presentare per evitare di spendere fino a trenta miliardi di euro all’anno per sussidiare un reddito di cittadinanza che promette di essere il peggiore alleato di una buona politica finalizzata a fare di tutto per migliorare le condizioni di lavoro (e combattere così la disoccupazione, non rassegnarsi a essa). I salari si possono aumentare indirettamente portando la no tax area da quota 8 mila euro a quota 12 mila euro (era la proposta di Forza Italia in campagna elettorale e a quella proposta lavorò anche l’attuale ministro dell’Economia Giovanni Tria). Si possono aumentare scommettendo tanto sulla riduzione delle aliquote fiscali sul lavoro quanto sulle agevolazioni fiscali adottate in azienda, legando quote di salario al raggiungimento di obiettivi di produttività, redditività, qualità, efficienza e innovazione. Si possono aumentare intervenendo direttamente sui minimi contrattuali, e non sui salari minimi, attraverso una migliore regolamentazione della contrattazione aziendale. Si possono scegliere molte strade ma ciò che dovrebbe essere oggi al centro di una grande rivolta politico-sindacale non è rincorrere Lega e Movimento 5 stelle su chi ha più lungo il reddito di cittadinanza. Ma è dimostrare che l’Italia tornerà a crescere solo se avrà il coraggio di concentrare le sue risorse e le sue forze sull’unica grande battaglia che meriterebbe di essere combattuta per mettere più soldi nelle tasche degli italiani: creare le condizioni per avere più posti di lavoro e mettere nelle buste paga dei lavoratori più soldi di oggi.

 

Non è un discorso marxista, un discorso leninista, un discorso comunista, un discorso neo sindacale. E’ l’essenza di una società libera e aperta come ha ricordato qualche mese fa non un pericoloso estremista sindacale ma un misurato presidente della Banca centrale europea che in un discorso a Francoforte, a ottobre, ha ricordato che in Europa, e soprattutto in Italia, la bassa crescita dei salari è “ben al di sotto delle medie storiche”, che una bassa crescita dei salari rallenta l’inflazione e che sui salari bassi pesano alcune componenti importanti. I sindacati che spesso scelgono di dare priorità alla sicurezza del posto di lavoro barattando in alcuni casi minori salari con minore flessibilità. Il sottoutilizzo della capacità produttiva del nostro paese. E il fatto che in molti paesi, ha ricordato Draghi a fine 2017, le contrattazioni si sono già concluse per l’anno in corso. Fino a quando i salari resteranno bassi, la crescita resterà bassa – e la promessa di questo governo di scommettere sul salario minimo e sul reddito di cittadinanza, con zero attenzione alla produttività, è destinata paradossalmente a livellare verso il basso tutti i salari. E se in Italia ci fossero forze politiche illuminate, imprenditori coraggiosi, sindacati non conservatori per lanciare sul lavoro una sfida alla demagogia populista dovrebbero ripartire da qui: senza lavoro per tutti non ci sarà dignità per tutti e senza salari più alti non ci può essere dignità per l’economia italiana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    13 Giugno 2018 - 16:04

    (continua da sotto) Nell'articolo di Lippi sulla Produttività che , tra l'altro, è multifattoriale nel suo complesso (tutte le condizioni che permettono, in ultima istanza la maggior redditività (intesa come sintesi di efficienza e efficacia nella trasformazione dei prodotti e o servizi) si scrive che nel "Contratto" non compare la produttività: francamente come si fa a mettere la produttività in un contratto politico ma, sopratutto, con un avviato programma di 4.0 (20 mil.di) che da solo dovrebbe "rivoluzionare", oltre alla Produttività (da lavoro) addirittura le modalità di produrre (I.A., robotica, new skills, meccatronica etrc etc.).

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    13 Giugno 2018 - 16:04

    Le aziende non fanno beneficienza direttore: le paghe cresceranno quando dall'asfittica 0,3 la produttività farà un balzo almeno allo 0,7-0,8. Quanto ai migranti (ovvero all'immigrazione) le sue statistiche sull'incidenza esclusivamente numerica tra numero immigrati/popolaziane italiana non colgono l'essenza del fenomeno: tale fenomeno si sviluppa su 5momenti 1salvataggio in mare/altri ingressi 2 procedura di "riconoscimento"/centri di raccolta e tipologia 3)programma di inserimento,ovvero 3.1 lingua e inserimento al lavoro (contratti di inserimento e feed back), 3.2) feed-back e rilascio tessera es. "alien".... Già sono interni c.a. mezzo milione che dovrebbero effettuare il programma 3 che, se attuato, scorre su almeno tre anni e mezzo e nessuno attualmente lo fa creando un effetto"IMBUTO"ovvero da un lato entrano dalla parte larga,e dall'altro si infilano nel tunnel dello stazionamento e senza uno straccio di programma ovvero se va bene schiavi al sud. L'italia non è più transito.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    13 Giugno 2018 - 14:02

    Andare al sodo. I salari possono crescere solo se usciamo dalla ottundente cultura dello Stato imprenditore. Oltre mezzo secolo di continua, feroce lotta politica e sindacale all’impresa privata, ostacolata nel suo svilupparsi dalla burocrazia pubblica e da mille intoppi, hanno impedito che si creassero le basi economiche per l’aumento dei salari. Come mai? Ovvio: un’economia privata che non avesse bisogno per vivere degli interventi, sempre politici, dello Stato, avrebbe ridotto il potere di condizionamento, di controllo, di intervento dello stesso. Il fallimento del progetto berlusconiano del “meno stato”, è tutto lì. Certo, anche tanti imprenditori si sono adeguati, gli appalti pubblici hanno generato corrotti e corruttori, un mix infernale. Ribaltare la situazione richiede tempi generazionali.

    Report

    Rispondi

    • gheron

      13 Giugno 2018 - 18:06

      Ma crede davvero che l'armata dei papponi in politica, nel sindacato, nella imprenditoria parassitaria e nella informazione di supporto consentiranno mai di ribaltare la situazione da lei così limpidamente definita? Auguri a tutti noi.

      Report

      Rispondi

  • DBartalesi

    13 Giugno 2018 - 12:12

    D'accordo, non è Karl Marx e oggi non è neppure il 21 febbraio 1848, quando a Londra, uscì il Manifesto del Partito Comunista. Siamo al 13 giugno 2018 e tuttavia, con questo contributo, ci sembra lei abbia scritto il primo capitolo di quello che potrebbe diventare un "Manifesto per una società aperta". Certo, questa volta il salario non è più contro il capitale ma per il suo sviluppo, a patto che si trovi la via di una ripartizione più equa del valore prodotto. Il tutto a garanzia di un benessere economico e una di una società libera. .Lo spettro che si aggira per l'Europa oggi è il Populismo, nlle varie forme di "chiusura": culturali, economiche, politiche, geografiche. Tempo è venuto di ridare alla opinione pubblica armi di critica politica finalizzate a costruire un' alternativa. Ci auguriamo che su queste pagine altri capitoli possano aggiungersi a questo "Manifesto". Magari anche l'"anarchico", che forse sarà contento. E complimenti!

    Report

    Rispondi

Servizi