Più soldi in tasca ai lavoratori. Il sindaco di Bergamo sposa il lodo Foglio

Giorgio Gori: “Abbiamo sottovalutato un bisogno di protezione di cui si sono fatti carico altri, con slogan e promesse mirabolanti”

15 Giugno 2018 alle 06:00

Più soldi in tasca ai lavoratori. Il sindaco di Bergamo sposa il lodo Foglio

Giorgio Gori (LaPresse)

Roma. “Una delle cose che abbiamo capito dalla recente sconfitta alle elezioni politiche è che abbiamo sottovalutato un bisogno di protezione di cui si sono fatti carico altri, con slogan e promesse mirabolanti. Noi invece siamo apparsi lontani dai bisogni quotidiani delle persone, a partire da quelli materiali”. Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, dice che al centro del possibile rilancio del centrosinistra non ci può essere solo il dibattito, pur importante e inevitabile, sulla “forma partito”. Nel Pd, infatti, fra...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • DBartalesi

    15 Giugno 2018 - 12:12

    Contenti, leggendo il contributo del sindaco di Bergamo,che il "Lodo Foglio"stia diventando una "segnavia" per chi ha voglia di mettersi in marcia e costruire una valida alternativa a questo governo. Ovvero a tutti i governi "populisti", visto che il nuovo campo d'azione non può che essere l'Europa.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    15 Giugno 2018 - 10:10

    Ad inflazione quasi zero non vedo perché si debbano aumentare i salari. Se si allora qualcuno ha aumentato i prezzi senza una giustificazione plausibile. Inoltre per assumere si debbono avere motivazioni di produttività e imprenditorialità. Dico al Sindaco Gori: se lei trovasse o vicesse trenta milioni di € aprirebbe oggi un’attività commerciale o una fabbrica? Se si ci dica quale perché con la burocrazia e le leggi sul lavoro viene da scappare. Ricordate il libro “volevo solo fare una pizza”? Bene, da quel tempo non è cambiato nulla anzi peggio. Corruzione, bustarelle e piaceri, si piaceri. Con queste logiche si chiude tutto altro che lavoro. Inoltre sindaco, una parola sui migranti ci vorrebbe, altrimenti la sua è la solita intervista che dice tutto e non dice nulla. Si scrolli il socialistoide e dica le cose per quello che sono. Se avesse detto la sua sui migranti oggi avrebbe vinto e non rincorrere le utopie che il PD non vuole buttare e che lo stanno affondando definitivamente.

    Report

    Rispondi

Servizi