2018, fuga dall'antimafia

I moralizzatori di professione fuori dalle liste. Perdono credibilità, la politica non ha più bisogno di loro

4 Febbraio 2018 alle 06:00

2018, fuga dall'antimafia

Leoluca Orlando (foto LaPresse)

Un tempo qui era tutta antimafia. E al momento di attrezzare liste per qualsivoglia competizione, la caccia al “santino” legalitario era un copione fisso. Soprattutto a sinistra. Altri tempi, se si guarda allo spartito di queste politiche. Le prime dell’era post-antimafiosa in Sicilia.   Le icone dell’antimafia politica restano tutte, o quasi, a casa. Travolte dal nuovo corso del Pd di Matteo Renzi. E più in generale dalla grande sofferenza del variopinto mondo dell’antimafia di Palazzo, che ha accusato negli...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi