cerca

Le caste nascoste

Stanare i corrotti nella politica, un mantra giudiziario che ha finito per occultare altre malefatte: nella magistratura, nell’università

26 Dicembre 2017 alle 08:13

Le caste nascoste

Foto LaPresse

È nelle stanze della politica che bisogna stanare i corrotti. Per anni è stato un assioma investigativo, che ha finito per divenire un paravento. Il paravento che ha nascosto le malefatte consumate in altri palazzi. E cioè nelle sedi delle università dove la legalità si insegna sotto forma di diritto e nei Tribunali dove i principi del bene comune si applicano in nome del popolo italiano. Servirebbe un mea culpa generale. Quanto meno per tentare di trovare una giustificazione alla...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Riccardo Lo Verso

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gesmat@tiscali.it

    gesmat

    27 Dicembre 2017 - 10:10

    In pillole: la magistratura non sta bene e fa danni dove tocca, una sorta di Re Mida alla rovescia. Le Sezioni Fallimentari poi... Andrebbero soppresse immediatamente.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    26 Dicembre 2017 - 16:04

    Al direttore - La corruzione - Platone, Repubblica: “sarebbe certo ridicolo che il custode avesse bisogno d'un custode.” Assertiva o ironica che la si consideri, suona così: “Anche i custodi, uomini sono”. Giovenale, secoli dopo, andava al sodo: “sed, quis custodiet ipsos custodes? ” La Teologia spiega: “Dato poi che l’uomo è immerso nel mondo materiale, il corpo con i suoi istinti, le sue passioni e pulsioni, la fa da padrone, per cui Gesù dice: lo spirito è forte, ma la carne è debole, nel senso che le «ragioni» della carne sono più forti e violente dello spirito che ha ragioni e motivi validi, ma contro le passioni e gli istinti del corpo nulla può fare senza una adeguata esercitazione e allenamento”. Scoperto l’arcano: i custodes non vanno in palestra.

    Report

    Rispondi

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    26 Dicembre 2017 - 09:09

    Interessante, ma sul tema "settimo: non rubare" si possono scrivere documentate enciclopedie. Da quando ci si alza al mattino, il primo imperativo categorico che si risveglia nell'uomo è, inevitabilmente, "cura i tuoi interessi", dopodiché ognuno parte utilizzando al massimo le proprie personali risorse disponibili. Unico freno, tutti gli altri intorno a caccia dei propri medesimi interessi, per cui chi più può, approfitta più che può. E' umano. Per questo da sempre ogni collettività ha cercato di porre dei paletti e di imporre delle regole ossia Comandamenti Leggi e comportamenti, oltre che ad organizzare il controllo per farli rispettare e punizioni per chi eccede, ovviamente a danno altrui. Siamo sempre ai FONDAMENTALI. Ma oggi, col rinnegamento dei Princìpi basilari della nostra Civiltà Cristiana Occidentale che è La CIVILTA' e non ve n'è altre, siamo - ovviamente - ritornati alla BARBARIE. Vds tv coi grilli jene toghedapiazza denuncia-continua ecceccecc, specchio del nostro tempo.

    Report

    Rispondi

Servizi