cerca

L'impegno a sottoscrivere un impegno

La promessa, fatta dai Cinque stelle al Pd, di un complesso di riforme che bilanci il taglio dei parlamentari sembra il classico appuntamento destinato a slittare

8 Ottobre 2019 alle 06:00

L'impegno a sottoscrivere un impegno

(Foto LaPresse)

C’è stato un tempo, prima dei cellulari, in cui potevamo dire a un amico: vediamoci martedì pomeriggio, e la cosa finiva lì. Poi gli appuntamenti sono stati derubricati a pre-appuntamenti, a impegni di massima a prendere impegno per un appuntamento, quel martedì pomeriggio è diventato un termine ordinatorio e non perentorio, e ormai tutta la pratica si può considerare amministrativamente perfetta ed efficace solo previa conferma, via sms, a ridosso dell’incontro. Che per lo più slitta, imprimendo a molte amicizie il passo dilatorio degli uffici burocratici o quello disperato di certi amori leggendari: una sequela di rendez-vous mancati. Quando è nato il governo Conte bis, tra gli imprudenti brindisi alla fine del populismo, la cosa più saggia l’ha scritta qui sul Foglio Franco Debenedetti: “Abbiamo solo comperato del tempo”. Il guaio è che solo i grillini sembrano sapere come spenderlo: vediamoci martedì pomeriggio, dicono, per il voto finale sul taglio dei parlamentari. Quelli del Pd, però, garantiscono che non è un taglio a vanvera, che c’è dietro un accordo politico, che sono previsti dei correttivi. Ora, trascurando pure la non trascurabile circostanza che i correttivi annunciati non correggono nulla, mi ha colpito leggere ieri sul Fatto la formula usata dal capogruppo alla Camera Graziano Delrio: c’è, assicura, “l’impegno a sottoscrivere un impegno sul quadro e sui tempi delle riforme”. L’impegno per un impegno. Poi Casaleggio gli manda un sms per conferma. Ho come l’impressione che l’appuntamento slitterà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi